Vigile del fuoco indagato per esplosione, Conapo: "Deve anche pagare le spese legali"

E' la denuncia di Giuseppe Musarra, segretario per la Sicilia del sindacato di categoria Conapo e capo squadra dei vigili del fuoco in servizio, sul caso del collega Tavormina indagato dalla procura quale "atto dovuto" dopo l'esplosione di Catania

"E' assurdo che il capo squadra dei vigili del fuoco rimasto ferito nell'esplosione di una palazzina a Catania lo scorso 20 marzo, nella quale morirono altri 3 persone di cui 2 vigili del fuoco, debba pagare di tasca propria gli avvocati obbligatori per potersi difendere. Oltre ad aver perso 2 colleghi, oltre a rimanere gravemente ferito egli stesso e un altro vigile del fuoco è stato rinviato a giudizio dalla procura di Catania e lasciato 'economicamente solo' dallo Stato, che poi lo rimborserà, se innocente, tra qualche decennio". E' la denuncia di Giuseppe Musarra, segretario per la Sicilia del sindacato di categoria Conapo e capo squadra dei vigili del fuoco in servizio, sul caso del collega Tavormina indagato dalla procura quale ''atto dovuto'' dopo l'esplosione di Catania.

"Se fosse accaduto a un poliziotto, che dipende dallo stesso ministero dell'Interno, lo Stato avrebbe invece anticipato 5 mila euro per potersi difendere, ma cosi non è previsto per i vigili del fuoco che invece devono gravare sulla propria famiglia, l'ennesima grave umiliazione politica e istituzionale verso il corpo più amati dagli italiani", aggiunge.

"Sono vicino alle famiglie coinvolte - dice Musarra - e chiedo che venga dallo Stato sanata senza ulteriori rinvii questa grave disparità di trattamento. Come sindacato appoggiamo la raccolta fondi a sostegno delle famiglie dei quattro vigili del fuoco coinvolti resa nota oggi da parte dell'associazione vigili del fuoco, ma lo stato non può lodare i suoi servitori nelle emergenze e poi lasciarli in balia delle onde nel momento del bisogno''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

''E' l'ennesimo diverso trattamento, l'ennesimo schiaffo istituzionale: rischiamo la vita come e più degli altri corpi, ma continuiamo ad essere i più penalizzati, non soltanto in quanto a retribuzioni e pensioni, ma anche nelle tutele, tanto è vero che il nostro sindacato -ricorda il rappresentante del Conapo - ha dovuto fornire a tutti gli iscritti una assicurazione privata a copertura delle spese legali per fatti avvenuti in servizio''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento