Coronavirus, i vigili del fuoco chiedono più mascherine

Carmelo Barbagallo, coordinatore nazionale Usb vigili del fuoco Sicilia, è intervenuto per chiedere maggiori tutele per i colleghi

Carmelo Barbagallo, coordinatore nazionale Usb vigili del fuoco Sicilia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione "Cosa succede in città" condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus. L'esponente sindacale etneo ha spiegato i problemi che attanagliano il corpo, in particolare riguardo la dotazione delle mascherine di protezione.

"Ci hanno dato delle mascherine swiffer che erano una presa in giro. Poi sono arrivate piano piano quelle chirurgiche, ma a maggio, proprio nel giorno in cui è morto un nostro collega di Catania. Le mascherine chirurgiche dovrebbero essere consegnate ogni giorno, finora ne hanno consegnate 5 per uno che ci devono durare tutto il mese. Oggi abbiamo fatto uno sciopero simbolico per chiedere che ci vengano fatti i test sierologici e i tamponi", ha dichiarato.

Inoltre Barbagallo, già qualche giorno da, aveva sottolineato l'esigenza dei test sierologici e dei tamponi in maniera costante: "Il Covid19 è l'ennesima emergenza che ci vede in prima linea ed è stato grosso il sacrificio anche in termini di perdita di vite umane, quattro in totale. Noi siamo stanchi delle pacche sulle spalle: vogliamo un contratto vero e tutela della nostra salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento