Vigili del fuoco: 22 pompieri in meno in città, scatta l'allarme

Dal aprile a Catania ci saranno 22 vigili del fuoco in meno: ne arriveranno 38 ma ne andranno via 60. Una situazione d'emergenza che segue quella dell'anno scorso quando ne mancarono 49

Nelle caserme di Catania e provincia i pompieri in servizio sono sempre di meno, un dato che preoccupa i cittadini e molti si domandano: di quanto si allungheranno i tempi di attesa quando chiameremo il 115 per un'emergenza?

La situazione del personale già nei mesi precedenti era preoccupante, tanto che durante le alluvioni che hanno colpito il catanese quest’anno, i vigili del fuoco sono stati costretti a fare turni di 24 ore consecutive, per riuscire a soccorre tutti.

I sindacati e il Coordinamento provinciale dei Vigili del Fuoco si dicono “stremati già oggi per far fronte a tutte le chiamate di soccorso” e  hanno scritto una lettera al prefetto, lamentando la grave carenza di personale e l'insufficienza dei mezzi che mette a rischio il soccorso in tutta la provincia: “I vigili del fuoco del comando provinciale di Catania - hanno spiegato il segretario provinciale della Fp Cgil, Gaetano Agliozzo, e Salvatore Di Dio del Coordinamento - vivono una situazione di estremo disagio. Catania, per numero d’interventi, è la sesta provincia d’Italia; non ha, però, il sesto organico, il sesto parco macchine, la sesta capacità di spesa. Quel poco personale rimasto ha un carico di lavoro disumano, ha sedi inadeguate e servizi scoperti e fa fede agli impegni essenziali anche grazie ai volontari”.

I pompieri ed i sindacati hanno spiegato che a Catania e provincia manca il 40% dei capi squadra perché i passaggi di qualifica sono bloccati e ci sono stati molti pensionamenti. Inoltre, bisognerà aspettare giugno per rimpiazzare i 22 vigili in meno, per la decisione - definita inopportuna - di dividere in due tornate la mobilità nazionale di personale.

Attualmente in ogni squadra lavorano cinque persone, e nella zona che va da Scordia a Nicolosi ci sono solo due squadre (coperto dalla sede centrale di via C. Beccaria e dal distaccamento Sud nella zona industriale); le squadre di Adrano, Paternò, Caltagirone, Acireale, Riposto e Randazzo spesso danno una mano ai colleghi catanesi della centrale, ma così si allontano dalla propria zona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo la denuncia, inoltre, il decreto legislativo 217/05 ha cambiato “in modo nefasto” l'ordinamento del corpo, causando ricorsi e contestazioni. I vigili ricordano l'interesse delle istituzioni per la questione, ma chiedono interventi straordinari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento