menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I vigili del fuoco protestano contro il Decreto Semplificazione

Ai vigili del fuoco più giovani spetta un aumento di soli 13 euro in busta paga

I vigili del fuoco dell'Usb Sicilia aderiscono alla protesta nazionale del 22 luglio, con un presidio sotto Montecitorio, a Roma. A Catania si svolgerà un sit in parallelo dinnanzi la sede centrale del comando provinciale, in via Cesare Beccaria.

"Ci teniamo a far conoscere ai cittadini che fine fanno i loro soldi. L'ultima finanziaria, dove il governo ha messo 165 milioni di euro, a decorrere dal 2022, per le retribuzioni dei Vigili del fuoco, sostenendo che tali risorse sarebbero state utilizzate per valorizzare in particolare i vigili del fuoco. Nel Decreto Semplificazioni il governo nazionale ha diviso queste somme in maniera a dir poco raccapricciante, destinando piu' di 6 milioni di euro per i dirigenti del Corpo (poco piu' di 700), regalando una elemosina, alias 13 euro lordi, ai vigili piu' giovani ( fino al 4° di servizio), appostando molti milioni sugli accessori e un altro pacco di milioni per il lavoro straordinario, col tentativo mal celato di trasformarci in altro. Chiediamo al signor Prefetto di sollecitare le assunzioni dei precari e idonei al concorso pubblico, la riclassificacazione delle sedi di Paternò, Caltagirone, Riposto, Acireale, Adrano, come già sollecitato dai sindaci. Inoltre, è ormai fondamentale aumentare l'organico del nucleo sommozzatori di Catania a 4 turni, con l'aumento di 14 unità mancati ed elargire le spettanze relative all'oasi del Simeto 2018-19 e Boschive 2019".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Svegliarsi di notte - I significati secondo la medicina cinese

Cura della persona

Manicure semipermanente senza lampada - Ecco come

Attualità

Associazione Donne Giuriste Italia: Lucia Tuccitto eletta presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento