Via Puccini, sette vigili urbani aggrediti da venditori ambulanti senegalesi

Gli agenti della polizia annonaria sono stati aggrediti da alcuni abusivi che vendevano abbigliamento e scarpe contraffatte durante un'operazione antiabusivismo

Sette agenti della polizia municipale sono stati aggrediti da alcuni venditori ambulanti senegalesi abusivi che alla Fiera vendevano abbigliamento e scarpe contraffatte.

"Esprimiamo la solidarietà della Cisl Fp di Catania ai sette agenti della Polizia annonaria aggrediti oggi da un gruppo di ambulanti senegalesi. È l'ulteriore conferma che la Polizia locale rappresenta la prima linea della legalità e della sicurezza nell'intera comunità catanese". Lo dichiara Armando Coco, segretario generale della Cisl Fp etnea, in relazione all’aggressione subita dagli agenti impegnati in un’operazione di antiabusivismo e anticontraffazione in via Puccini, a Catania. "La Polizia municipale catanese – prosegue – svolge ogni giorno, con grandi difficoltà, il proprio lavoro. In un momento di crescente tensione sociale, le istituzioni hanno il dovere di tutelare di più gli agenti, che in sinergia con le altre forze dell’ordine, garantiscono l'ordine e il rispetto delle regole del vivere civile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 "Catania è diventata ormai di fatto una città di frontiera – sottolinea Coco – dove convergono necessità, problemi ed esigenze il cui peso l’amministrazione comunale affida sempre più spesso alla polizia locale". Per il segretario della Cisl Fp etnea "il corpo di Polizia municipale di Catania sconta purtroppo carenze che vanno dall'esiguità dell’organico, all'età media che va ormai oltre i 55 anni, all'insufficienza di mezzi e strumenti. A causa di tutto questo, il controllo di zone e quartieri avviene a macchia di leopardo. Nonostante ciò e tutte le incombenze che gravano su di essa, l’attività degli agenti è notevole e meritoria. Ecco perché atti come quello di ieri non possono essere consentiti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo decreto: che cosa chiude e cosa resta aperto a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 936 persone attualmente positive: a Catania sono 288

  • Coronavirus, aumentano anche le vittime a Catania: morto 84enne

  • Coronavirus, tre guariti all'ospedale Garibaldi curati con farmaco sperimentale

  • Positiva al Covid-19, prende due aerei e a Catania un taxi: adesso è ricoverata

  • Coronavirus, azienda catanese lancia mascherine in silicone con stampa 3D

Torna su
CataniaToday è in caricamento