La V Commissione: tra sei mesi Villa Fazio sarà restituita alla città

Si è svolto questa mattina il primo dei tre incontri organizzati dalla commissione Lavori Pubblici del Comune di Catania, guidata da Niccolò Notarbartolo (Pd), per discutere dei progetti per migliorare la vivibilità del quartiere Librino e per verificarne l'avanzamento

Si è svolto questa mattina il primo dei tre incontri organizzati dalla commissione Lavori Pubblici del Comune di Catania, guidata da Niccolò Notarbartolo (Pd), per discutere dei progetti per migliorare la vivibilità del quartiere Librino e per verificarne l'avanzamento. Oggi a Palazzo degli Elefanti si è ampiamente discusso del progetto per la riqualificazione di Villa Fazio, alla presenza del direttore dei Servizi sociali comunali Corrado Persico, del direttore dei lavori Mario Monica e del Rup (Responsabile unico del procedimento) Daniele Sinito.

“E' stato un incontro molto proficuo, per cui ringrazio tutti i consiglieri della quinta commissione che si stanno impegnando al massimo per Librino, assieme ai tecnici – spiega Notarbartolo – Oggi è emerso che i lavori per ristrutturare Villa Fazio potrebbero partire subito ma che l'avvio è bloccato per un problema contabile, che va risolto subito: assieme al presidente della commissione Bilancio Parisi chiederemo, quindi, alla Ragioneria del Comune di attivarsi immediatamente”. “Durante la riunione è stato chiarito che la metà del finanziamento regionale pari ad 1 milione 440 mila euro (fondi Pist e Pisu) è già stata erogata alle casse comunali e che la ditta che eseguirà i lavori ha già firmato il contratto – prosegue il presidente della commissione Lavori Pubblici – Non appena la Ragioneria sbloccherà i 700 mila euro già disponibili i lavori potranno partire e tra sei mesi Villa Fazio potrà finalmente essere restituita alla città in condizioni ottimali: non possiamo più aspettare oltre”.

I Fondi Pist e Pisu serviranno per ristrutturare l'immobile, deturpato e vandalizzato, e per dotarlo dei servizi (tra cui quelli informatici) necessari per fare di Villa Fazio un Centro di volontariato e associazionismo. “Al direttore dei Servizi sociali Persico abbiamo chiesto di avviare da subito un dialogo con tutte le associazioni e gli enti no profit, e sappiamo che si sta già attivando in questo senso – prosegue Notarbartolo – Vogliamo che in questo progetto venga coinvolta la città, ma soprattutto dobbiamo fare il possibile perché Villa Fazio venga affidata immediatamente alle associazioni, per evitare che dopo la ristrutturazione torni ad essere preda dei vandali”. Infine si è discusso dei campi sportivi attigui a Villa Fazio, “la cui riqualificazione purtroppo non rientra nel finanziamento regionale”: “Come commissione – conclude Notarbartolo – ci stiamo impegnando per ottenere ulteriori risorse”.

Il secondo incontro fissato dalla commissione Lavori Pubblici su Librino si terrà giovedì 23 gennaio nella sede dell'assessorato (Faro Biscari): si parlerà degli interventi necessari alla ristrutturazione del Palazzo di Cemento e aree limitrofe e della riorganizzazione della rete fognaria di San Giorgio, assieme all'assessore comunale Luigi Bosco, all'arch. Areddia e all'ing. Marra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sabato 25 infine previsto un sopralluogo itinerante nel quartiere: i consiglieri andranno a Villa Fazio, al Pala San Teodoro e al Palazzo di Cemento, assieme agli assessori comunali Luigi Bosco e Saro D'Agata, al vicesindaco Marco Consoli e ai tecnici comunali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento