Alcolizzato picchia la moglie davanti al figlio piccolo: arrestato

Diverse le aggressioni messe in atto da un catanese, dipendente dall'alcool, nei confronti della propria moglie

Il 36enne B.R., già indagato per maltrattamenti contro familiari e lesioni personali aggravate ai danni della propria moglie, è stato posto in arresto dai carabinieri di piazza Verga, su ordine della procura etnea.

L’uomo, in preda ai fumi dell’alcool, pronunciava frasi come: "te la farò pagare e nostro figlio lo terrò con me" alla presenza del minore di appena due anni, picchiando abitualmente la poveretta con schiaffi, pugni e calci, fino a colpirla con un bastone alle spalle ed al braccio. tanto da causarle delle lesioni guaribili in sette giorni e costringendola  a scappare di casa per trovare rifugio da un’amica.

Mostrandosi pentito e pronto a cambiare il suo atteggiamento, all’inizio di quest’anno l’aveva convinta a fare rientro nell’abitazione coniugale dove però, solo dopo alcuni giorni, rientrando in casa in stato di ebrezza, l'aveva aggredita nuovamente colpendola al volto con due schiaffi e strappandole il bambino dalle braccia, per portarlo a dormire in un’altra stanza.

In ultimo, sempre ubriaco, appena entrato in casa ha colpito ripetutamente la donna alla testa con un’asta di legno e successivamente, munitosi di coltello, ha infierito con il manico dell'arma bianca, proseguendo con un pugno al volto per poi stringerle al collo una sciarpa, facendola scappare ancora una volta da casa insieme al bambino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terrorizzata per possibili ritorsioni e per salvaguardare l’incolumità del piccolo, ha anche ritrattato quanto dichiarato in sede di denunzia, ma la collaborazione tra carabinieri e magistrati ha consentito agli stessi di fissare a carico dell’indagato degli elementi probatori inconfutabili. E' stato rinchiuso nel carcere d ipiazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

  • Duro colpo ai Brunetto: le dinamiche del clan tra estorsioni, minacce e pestaggi

  • Coronavirus, in Sicilia tre nuovi casi: +1 nella provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento