Violenza di genere, gli interventi dell'Ufficio minori e vittime vulnerabili

La polizia ha arrestato V.V. nato a Catania di anni 54. Il soggetto è stato indagato in stato di arresto per gli atti persecutori commessi nei confronti dell’ex convivente

Lo scorso 6 settembre, l’Ufficio minori e vittime vulnerabili della questura di Catania, ha tratto in arresto V.V. nato a Catania di anni 54. Il soggetto è stato indagato in stato di arresto per gli atti persecutori commessi nei confronti dell’ex convivente A. S. nata a Catania di anni 51, con l’aggravante di averli commessi in presenza del figlio minore di anni 13 e della figlia di anni 19, costringendoli a vivere in un clima di terrore, di vessazione e sottoponendoli ad una persecuzione costante.

Il personale dell’Ufficio minori e vittime vulnerabili ha redatto, quindi, accurato rapporto per l’autorità giudiziaria competente, chiedendo la misura cautelare. Precedentemente, il V.V. si è reso autore di una escalation di fatti, tali da far temere per l’incolumità della persona offesa e del nucleo familiare della stessa. Pertanto, in considerazione dei fatti sopra esposti, in data ieri, 6 settembre, il personale dell'Ufficio, con l’ausilio del personale dell’U.P.G.S.P., ha tratto in arresto l’autore delle violenze di cui sopra.

Infine, l’Ufficio, nel corso del pomeriggio del 5 settembre, è stato impegnato nella trattazione di 3 richieste di aiuto e protezione da parte di donne vittime di violenza di genere agite da parte degli ex conviventi che le costringevano a vivere in un clima di terrore, di vessazione, sottoponendole ad una persecuzione costante, con l’aggravante di aver commesso i fatti in presenza dei figli minorenni. Inoltre, due delle tre richiedenti, dopo aver denunciato formalmente quanto fino ad allora subito, sono state poste in protezione presso idonee strutture.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento