Botte e violenze sessuali alla compagna: arrestato 44enne

Un susseguirsi di azioni violente calci e pugni anche in gravidanza: mani al collo nel tentativo di strangolarla o capelli 'strappati' per costringerla ad intrattenere rapporti sessuali

La procura nell’ambito di indagini a carico del 44enne N.M. indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia commessi in danno della compagna di 38 anni, ha richiesto ed ottenuto la misura cautelare di custodia in carcere eseguita dai carabinieri della stazione di Belpasso.

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati che indaga sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno evidenziato come l'uomo, spesso in stato di alterazione dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche talvolta mischiate a psicofarmaci, vessasse sistematicamente la compagna anche in presenza dei figli minori.

Un susseguirsi di azioni violente calci e pugni anche in gravidanza: mani al collo nel tentativo di strangolarla o capelli 'strappati' per costringerla ad intrattenere rapporti sessuali. In un'occasione, sotto l’effetto dell’alcool, dopo averla ingiuriata e minacciata di morte con un coltello, ha tentato addirittura, di spingerla giù dalla finestra della cucina, finché la vittima non è riuscita a divincolarsi e scappare, rifugiandosi in un bar poco distante dall’abitazione e chiedendo l’intervento dei carabinieri. La loro convivenza risale al 2009, trascorsa tra vari episodi di violenza fisica e parole denigratorie: "Sei una cosa inutile, una zingara, una morta di fame! Sei una cosa inutile, io me ne vado con un’altra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed ancora: "Vedi questa pistola mi sparo, me la punto in bocca e mi faccio saltare il cervello, così ti rimarrà questa immagine di me". Gravissime circostanze che hanno convinto la donna, preoccupata per la propria incolumità e per quella dei figli, di soli 6 e 8 anni, a denunciare il marito ai carabinieri, facendo scattare l'indagine e l'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Cancro al colon-retto, nuova tecnologia per la diagnosi precoce

  • Dopo una festa alla Playa accusa i sintomi del Coronavirus, minorenne positivo in isolamento domiciliare

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

  • Allerta meteo arancione su Catania per possibili temporali

  • Coronavirus, in Sicilia 7 nuovi contagi: 6 sono nel catanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento