Un 43enne di Adrano picchia la moglie marocchina: denunciato

E'stata attivata la nuova procedura in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di “codice rosso”

Il personale del commissariato di Adrano ha denunciato per maltrattamenti in famiglia il 43enne T.R., dopo che la moglie, marocchina, ha raccontato i numerosi episodi di maltrattamento subiti nel tempo. In sede di denuncia la donna ha dichiarato che, da circa due anni, subiva pestaggi da parte del marito, specificando che le violenze si concretizzavano in spinte e bloccaggi dei polsi, anche se non è mai dovuta ricorrere a nessuna cura medica. Con loro convive la figlia avuta da una precedente relazione e che anche la figlia era sottoposta a questo genere di maltrattamenti, più che altro verbali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo l’ennesimo litigio verbale, il marito ha però manifestato esplicitamente la propria aggressività, colpendo ripetutamente con schiaffi la moglie, episodio che convinceva quest’ultima a recarsi in commissariato con la figlia e denunciare il tutto. Sulla base delle dichiarazioni rese, è stata attivata la nuova procedura in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di “codice rosso”, avvisando nel la vittima della possibilità di essere alloggiata presso una struttura protetta. Oltre alla denuncia, è stato disposto il ritiro cautelativo di una pistola con cartucce, regolarmente detenute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento