rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Violenza in guardia medica, la dottoressa aggredita: "Violentata anche dalle istituzioni"

In un'intervista a Repubblica la dottoressa violentata a Trecastagni ha espresso tutta la sua rabbia nei confronti dell'Asp e delle istituzioni. Ha aggiunto inoltre di essere in malattia: "Può essere considerato un infortunio il mio?"

"Il sangue mi ribolle nelle vene come la lava dell'Etna, lo scriva questo, sono arrabbiata per quello che mi è successo, ma non solo per le violenze subite", "posso dire solo una cosa: io sono stata violentata anche dalle istituzioni". Così, intervistata da Repubblica, la dottoressa aggredita in ambulatorio vicino a Catania.

"Mi sono ritrovata in quella brutta situazione a difendere la mia vita per colpa dei dirigenti dell'Asp", sottolinea. "Nessuna vera sicurezza è stata presa nei confronti dei medici in prima linea". La dottoressa aggiunge di essere a casa in malattia: "Incredibile ma vero: per l'azienda sono stata vittima di un infortunio. Ma mi chiedo: può essere considerato un infortunio il mio?".

L'aggressore: "Avevo bevuto e preso antidolorifici. Sono pentito"

"Continuerò, senza alcun dubbio, a fare il medico. Ma non credo in un ambulatorio di guardia medica, anche se quella scelta non è mai stata un ripiego, ma una decisione consapevole proprio perché volevo essere in prima linea, vicina alle persone che soffrono".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza in guardia medica, la dottoressa aggredita: "Violentata anche dalle istituzioni"

CataniaToday è in caricamento