Costretta a rubare e a prostituirsi, si rivolge ai carabinieri e fa arrestare il compagno

Ogni giorno, utilizzando squallidamente il bus di linea della Amt, l’accompagnava alla zona industriale dove la poveretta era costretta a “battere” con l’obbligo di portare a casa una determinata somma di danaro pena calci e pugni

Vittima del suo compagno, una donna di 37 anni era costretta a prostituirsi e a rubare nei vari centri commerciali della provincia etnea. Era giunta in Italia dalla Romania nel 2013 in cerca di fortuna, accompagnata dal compagno e con i due figli minori di 5 e 9 anni. L'uomo, però, poco incline a qualsiasi tipo di occupazione, ha messo in atto una vera e propria azione dispotica nei confronti della donna.

Per porre fine al calvario, anche per proteggere i figli, su consiglio di un’amica circa venti giorni fa si è rivolta ai carabinieri della stazione di piazza Verga dov’è attivo da circa un anno un ufficio dedicato alle “fasce deboli”, soprattutto donne e minorenni vittime di ogni tipo di maltrattamento.

Sentendosi protetta, in caserma è riuscita a raccontare nei minimi particolari tutti gli abusi patiti per mano dell’uomo che, non accontentandosi dei soldi ricavati dalle razzie nei vari centri commerciali, a suon di bott,e l’aveva costretta a vendere il proprio corpo. Difatti, ogni giorno, utilizzando squallidamente il bus di linea della Amt, l’accompagnava alla zona industriale del capoluogo etneo dove la poveretta era costretta a “battere” con l’obbligo di portare a casa una determinata somma di danaro pena calci e pugni. Dei soldi guadagnati a lei spettava, anche per il sostentamento dei figli, solo il 20 per cento.

I militari, in piena sinergia con il pubblico ministero titolare del fascicolo, hanno prima salvaguardato i minori trasferendoli in una struttura protetta per poi dedicarsi a riscontrare quanto denunciato dalla vittima. Gli investigatori, oltre ad acquisire gli innumerevoli referti medici rilasciati dai vari ospedali catanesi, attestanti le lesioni di una certa gravità patite dalla donna in questi anni, hanno ascoltato diversi testimoni, osservando direttamente e dimostrando come il reo accompagnasse realmente in autobus la poveretta nei luoghi indicati costringendola a prostituirsi. Il quadro probatorio raffigurato è stato appieno recepito dall’Autorità Giudiziaria la quale ha inteso ordinarne l’arresto e la sottoposizione ai domiciliari in attesa di giudizio dell'uomo, un 50enne romeno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento