Tentata violenza sessuale a Fiumefreddo, aggredita ginecologa del consultorio

Tentata violenza sesuale ieri sera presso il consultorio familiare di Fiumefreddo di Sicilia. Una dottoressa è stata aggredita da un pregiudicato della zona che è stato bloccato poco dopo

Tentata violenza sesuale ieri sera presso il consultorio familiare di Fiumefreddo di Sicilia. Una dottoressa applicata al servizio di ginecologia, avendo dimenticato il telefono cellulare all’interno dell’ambulatorio è rientrata per riprenderlo lasciando la porta d’ingresso socchiusa. Un uomo, appostato all’esterno della struttura, ne ha approfittato ed in pochi istanti è entrato all’interno sorprendendo la donna alle spalle, afferrandola per un braccio e strappandole alcuni indumenti di dosso allo scopo di abusarne sessualmente. Coraggiosamente la vittima ha opposto resistenza riuscendo a divincolarsi e trovare rifugio in una abitazione limitrofa da dove ha chiamato il 112. Immediatamente i Carabinieri sono accorsi in aiuto della donna riuscendo ad inseguire ed acciuffare l’aggressore, identificato per il 60enne Q.F., pregiudicato della zona jonica. Per fortuna, la vittima, curata dai medici dell’Ospedale di Taormina, ha solo riportato delle “escoriazioni agli arti inferiori e superiori”, guaribili in pochi giorni. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza con le accuse di violenza sessuale e sequestro di persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento