Scuola Vittorino da Feltre vince il premio nazionale di Guardia di finanza e Miur

Alla segreteria del concorso sono giunti circa cinquecento elaborati per le quattro categorie del concorso: scuola primaria, secondaria di primo grado e primo biennio e ultimo triennio della secondaria di secondo grado

"Dobbiamo essere orgogliosi di questi ragazzi vincitori di questo concorso nazionale che regala lustro alla città e contribuendo ad abbattere i luoghi comuni che vorrebbero un Sud che cede le armi di fronte all'illegalità". Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco intervenendo nella scuola Vittorino da Feltre alla cerimonia per consegna, da parte del Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Roberto Manna - alla presenza dell'assessore alla Scuola Valentina Scialfa, il provveditore Emilio Grasso e la preside Lucia Lanzafame - della terza edizione del progetto "Educazione alla legalità economica" realizzato dalla GdF e dal Miur. Il Sindaco ha sottolineato come i ragazzi della scuola catanese - Giuseppe Calvo, Rosa Marta Cannavò, Marika Mattia e Federica Spampinato - abbiano vinto un buono per l'acquisto di libri classificandosi primi in tutt'Italia con un cortometraggio nella categoria lavori di gruppo.

Alla segreteria del concorso sono giunti circa cinquecento elaborati per le quattro categorie del concorso: scuola primaria, secondaria di primo grado e primo biennio e ultimo triennio della secondaria di secondo grado. "Ho accolto con grande interesse - ha affermato Bianco - il vostro invito a essere qui per sostenere l'iniziativa promossa dalla Guardia di Finanza e dal Ministero che rende protagonista la scuola nel compito di far crescere i giovani guidandoli per farli diventare cittadini, titolari di specifici diritti e doveri riguardanti la convivenza civile".

Il colonnello Manna ha illustrato il Progetto, che ha visto impegnata la Finanza in una serie di incontri nelle scuole per affrontare il tema della legalità economica a tutela della sicurezza dei cittadini e che è abbinato al concorso "Insieme per la legalità". Quest'ultimo ha lo scopo di sensibilizzare i giovani anche sul ruolo del Corpo favorendo la loro espressione libera, creativa e spontanea attraverso produzioni grafiche, pittoriche, fotografiche e video documentaristiche. Contraffazione e falsificazione sono fenomeni di rilevante attualità e per combatterli è necessario trasmettere un chiaro messaggio educativo: chi acquista dei falsi o scarica dal web prodotti pirata è come se fosse complice di un reato, di organizzazioni delinquenziali che minano alla base i valori della convivenza civile. "La legalità e il suo rispetto - ha dichiarato Valentina Scialfa - devono essere principi ispiratori dell'educare le generazioni future e il nostro Assessorato ha sempre dedicato particolare attenzione a questi temi, anche con il concorso teatrale 'Legalità e cittadinanza per stare meglio insieme' realizzato lo scorso anno per far riflettere gli alunni sui valoro di democrazia, giustizia sociale, legalità, solidarietà, tolleranza. Tutti valori che danno senso al vivere insieme". "Il dovere della scuola - ha affermato la Preside - è non soltanto quello di istruire, ma soprattutto quello di formare le coscienze dei cittadini di domani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento