rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Vizzini

Vizzini, chiede una casa e tenta di darsi fuoco nella stanza del sindaco

Quando il primo cittadino gli ha detto che il comune non poteva dargli aiuto perché il comune di Vizzini non detiene alloggi abitativi, si è cosparso la testa con della benzina ed ha acceso un cannello per darsi fuoco

Momenti di paura a Vizzini: un uomo tunisino ha tentato di darsi fuoco nella stanza del sindaco. L'uomo, con moglie e due figli, si è presentato dinanzi al sindaco Vito Saverio Cortese chiedendo di potere avere una casa. Ha chiesto di parlare con lui e quando il primo cittadino gli ha detto che il comune non poteva dargli aiuto perché il comune di Vizzini non detiene alloggi abitativi, si è cosparso la testa con della benzina ed ha acceso un cannello per darsi fuoco.

Immediatamente è stato il sindaco Cortese ad intervenire e a togliere di mano all'immigrato lo strumento per fare fuoco. Il tunisino con delle bruciature alla testa è stato ricoverato all'ospedale Gravina di Caltagirone. Ustioni di poco conto all'avambraccio per il primo cittadino Vito Cortese che è stato medicato in municipio dal medici del 118. Sul fatto è stata avviata un'indagine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vizzini, chiede una casa e tenta di darsi fuoco nella stanza del sindaco

CataniaToday è in caricamento