Voto di scambio, indagato il sindaco di Bronte Pino Firrarello

L'esponente del Pdl è stato interrogato nei giorni scorsi dai sostituti procuratori Antonino Fanara e Andrea Bonomo, che hanno fatto notificare avvisi di conclusione indagini agli indagati, e tra loro c'è anche l'ex deputato regionale Fabio Mancuso

"Nelle intercettazioni io non ci sono, ne' conosco l'imprenditore di cui si parla e neppure ho promesso assunzioni o, meno che mai, le ho fatte". Così l'ex senatore del Pdl e attuale sindaco di Bronte, Pino Firrarello, commenta l'inchiesta della Procura di Catania per un presunto voto di scambio alle ultime Comunali nel paese del pistacchio in cui è indagato per voto di scambio.

L'esponente del Pdl è stato interrogato nei giorni scorsi dai sostituti procuratori Antonino Fanara e Andrea Bonomo, che hanno fatto notificare avvisi di conclusione indagini agli indagati, e tra loro c'è anche l'ex deputato regionale Fabio Mancuso.

Per Rosario Pennisi, legale dell'imprenditore "il reato non sussiste, non è configurabile" perchè, sostiene, "non c'è stato alcun contatto tra Firrarello e Di Cavolo, ne' gli indagati sono stati mai assunti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento