No alla cementificazione del lungomare: l’appello delle associazioni catanesi

Sono 33 in tutto e chiedono che il project finanzing previsto sul waterfront di Catania venga sottoposto all'attenzione del consiglio comunale per impedire la cementificazione selvaggia di Viale Alcide De Gasperi

Una petizione con oltre 500 firme, promossa da 33 associazioni cittadine per dire no alla realizzazione di una vasta area commerciale sul lungomare di Catania, è stata depositata questa mattina presso l’ufficio protocollo di Palazzo degli Elefanti. Un nuovo passo nella lotta contro la cementificazione selvaggia di Viale Alcide De Gasperi che i promotori dell’iniziativa vorrebbero piuttosto veder trasformato in un’area pedonale, tutelando la vocazione marinara del borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti. Il rischio è quello di dover cedere ai privati per 38 anni una zona demaniale che originariamente doveva servire da via di fuga in caso di terremoto.

Lo scopo della petizione è sottoporre il progetto all’attenzione del consiglio comunale, cui spetta la pianificazione del territorio. “Chiediamo all’amministrazione – commenta Mirko Viola dell’associazione Cittainsieme - di prendere una posizione politica in merito alla realizzazione di questa faraonica area commerciale. Un project finanzing che potrebbe stravolgere il territorio catanese e che non è mai stato posto all’attenzione dei cittadini. Ognuno di noi ha il diritto di dire la sua su come viene pianificato ciò che ci appartiene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento