Week end di controlli della polizia nella movida etnea

L'operazione interforze "movida sicura" ha contrastato il fenomeno dei posteggiatori abusivi e verificato il rispetto del codice della strada

Nel corso delle serate di venerdì e sabato scorso personale della Polizia di Stato con personale dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dalla Polizia Locale hanno effettuato controlli straordinari in centro storico nell'ambito dell'operazione movida sicura. In particolare in piazza Vincenzo Bellini, piazza Scammacca, via Landolina, via Pulvirenti, via Birreria e vie limitrofe affollate dalla movida cittadina.


La finalità del servizio è stata quella di debellare l’annoso problema dei parcheggiatori abusivi, i quali sono stati identificati e fatti sgomberare; di contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti e scoraggiarne il consumo da parte di molti giovani; di effettuare mirati controlli amministrativi ai locali pubblici ed accertarne le relative autorizzazioni di chiusura delle strade e l’occupazione del suolo pubblico. Sempre massima attenzione è stata rivolta al rispetto delle regole del Codice della Strada.


Nel corso di detto servizio sono state identificate 51 persone, 16 sono i veicoli controllati,  32 sono le violazioni accertate al Codice della Strada, 16 i fermi amministrativi per il mancato uso del casco protettivo, 7 i ritiro delle carte di circolazione per la mancata visita di revisione, 4 i locali pubblici controllati e 2 le violazioni accertate per le irregolarità all’occupazione del suolo pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento