Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Fontanarossa

Wind Jet, Cgil: l'azienda può ripartire con 50 milioni in Newco

La Cgil di Catania con Cisl e Uil, sulla vertenza in corso, incontrerà rappresentanti della Regione Siciliana e il prefetto di Catania. Secondo la Cgil Wind Jet "può ripartire investendo con capitali di 50 milioni di euro"

C'e' ancora speranza per il futuro della Wind jet e dei suoi lavoratori. Ed è possibile salvaguardare economicamente questi ultimi sin da subito, se si velocizzerà il decreto di erogazione della cassa integrazione e se si pagheranno gli stipendi pregressi per i 442 dipendenti a tempo indeterminato.

Ne è convinta la Cgil di Catania che domani, con Cisl e Uil, sulla vertenza in corso, incontrerà rappresentanti della Regione Siciliana e il prefetto di Catania. Secondo la Cgil la compagnia area low-cost ''può ripartire investendo con capitali di 50 milioni di euro''.

La Newco, ricordano dal sindacato, ''esiste già, è svincolata da ogni debito ed è provvista di Coa, la certificazione di operatore aereo''.

''Sarebbe dunque errato - per la Cgil - fare riferimento a nuove realtà che devono ancora nascere: la newco è dunque cosa ben diversa dall'azienda vera e propria, che invece si avvia verso il concordato preventivo''.

Sull'ipotesi di una partecipazione della Regione Siciliana, i sindacati auspicano che il governo dell'Isola si ''muova con precisione in una situazione cosi' difficile e delicata, ma dove non tutto e' perduto. Se la Regione si vuole muovere nell'ambito di societa' miste lo faccia pure, ma con attenzione''. Resta alta la preoccupazione per i lavoratori dell'indotto e per questo, Cgil, Cisl e Uil chiederanno l'attivazione di ''una 'clausola sociale' per loro, che funga anche da 'base' da utilizzare ogniqualvolta ce ne fosse di bisogno''.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Wind Jet, Cgil: l'azienda può ripartire con 50 milioni in Newco

CataniaToday è in caricamento