Wind Jet, Pulvirenti: "Spero in una soluzione per il bene della Sicilia"

Wind Jet è una storia chiusa? Pulvirenti risponde: "Mi auguro di no per il bene della Sicilia. Io faccio l'imprenditore, non il filantropo, pero credo che l'azienda sia importante per il territorio. Speriamo in una soluzione

''Nei primi giorni della prossima settimana, entro mercoledì, credo che diremo chiaramente quali sono le strade: o riprendere l'attività attraverso anche una nuova società oppure accettare la proposta del governo, che è  quella di ricorrere alla legge Prodi bis''. Lo ha affermato il presidente della Windjet Nino Pulvirenti parlando con i giornalisti in merito ala vicenda della compagnia low cost a margine della presentazione del main sponsor e del co-sponsor del Calcio Catania, di cui è presidente.

''Un giorno - ha aggiunto Pulvirenti - si capirà cosa è successo veramente. Non mi va di fare il gradasso come ha fatto qualcun altro prima di entrare a parlare al tavolo ministeriale. Facciamo parlare le carte. Fra qualche periodo si saprà esattamente cosa è successo, chi ha le responsabilità e chi deve pagare per quello che è successo''.

Per Pulvirenti ''quella della Windjet è una vicenda delicata e importantissima, ci sono delle precise responsabilita'. Nel frattempo abbiamo l'obbligo di cercare di portare avanti un progetto. Ci siamo presi qualche giorno di tempo rispetto alla proposta del ministro di attingere alla Prodi bis, la legge che prevede il commissariamento dell'azienda perche' credo che abbiamo delle alternative, pero' non abbiamo molto tempo a disposizione''. ''La cosa piu' importante in questo momento - ha continuato Pulvirenti - e' salvaguardare il piu' possibile i posti di lavoro e soprattutto non creare disagi ai passeggeri''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla domanda di un cronista che gli ha chiesto se quella della Windjet ''è una storia chiusa'', Pulvirenti ha risposto: ''Mi auguro di no per il bene della Sicilia. Io faccio l'imprenditore, non il filantropo, pero' credo che l'azienda sia importante per il territorio. Speriamo di riuscire a trovare una soluzione che permetta all'azienda di continuare a lavorare''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • Coronavirus, ordinare a domicilio: la lista delle attività a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 1095 contagiati (+159), i morti a Catania sono 15

  • Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

  • Coronavirus, al Garibaldi già dieci guariti con la terapia "combinata"

Torna su
CataniaToday è in caricamento