Wind jet, Confconsumatori: "Oltre al danno la beffa per i passeggeri"

"Mentre le altre compagnie si spartiscono le spoglie degli slot, per i passeggeri è arrivata solo la beffa di un rimborso irrisorio del 5% e nessun risarcimento", dichiara il responsabile nazionale del settore turismo e trasporti di Confconsumatori, Carmelo Calì

Oltre al danno, la beffa: un rimborso del 5% e nessun risarcimento per i passeggeri Wind Jet. Dopo ormai quasi un anno, la vicenda di Wind Jet si avvia al suo triste epilogo, almeno per i passeggeri.

"Avevano promesso tutto ed il contrario di tutto la new company, il concordato di continuità, l'orgoglio di una compagnia siciliana, il rafforzamento della mobilità per i siciliani, l'approccio sempre più facile per i turisti, addirittura il nuovo emblema dai colori campanilistici accattivanti. E sopratutto le rassicurazioni per i passeggeri, che, così fu detto, dovevano restare calmi perché rimborsi e risarcimenti sarebbero arrivati", afferma il responsabile nazionale del settore turismo e trasporti di Confconsumatori, Carmelo Calì.

"Ma -continua- mentre le altre compagnie si spartiscono le spoglie degli slot, per i passeggeri è arrivata solo la beffa di un rimborso irrisorio del 5% e nessun risarcimento".

"Confconsumatori – conclude Calì - esprime il proprio disappunto nei confronti di una soluzione, che penalizza fortemente i passeggeri, e che allo stato non presenta alternative credibili di miglioramento. Tutti i passeggeri che vorranno esprimere il loro voto contrario potranno farlo direttamente oppure tramite l'associazione che ha attivato un servizio di assistenza con i propri sportelli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento