Zio Pippo da Pedara festeggia i suoi 110 anni con Legrottaglie

Ha espresso il desiderio di festeggiare i suoi 110 anni alla Provincia con la squadra del Calcio Catania ed è stato accontentato. Zio Pippo da Pedara ha spento le candeline con Legrottaglie

Zio Pippo festeggia il suo compleanno alla Provincia

Ha espresso il desiderio di festeggiare i suoi 110  anni alla Provincia con la squadra del Calcio Catania ed è stato accontentato. Così, zio Pippo da Pedara, l’uomo più longevo della Sicilia, ha spento le candeline proprio al Centro direzionale della Provincia, tra il presidente dell’Ente Giuseppe Castiglione, l’arcivescovo metropolita Salvatore Gristina e il difensore del Catania Calcio Nicola Legrottaglie.

Nicola Legrottaglie ha affermato che a suo parere la longevità del nonnino pedarese è frutto di quanto lo stesso ha seminato nella vita. “Non credo nel caso o nelle coincidenze, – ha detto Legrottaglie- ma credo nelle “Diocidenze”. Il difensore del Catania, a nome del club, ha donato al festeggiato una maglia personalizzata: nome “Zio Pippo”, numero 110.

Il venerando tifoso pedarese, nato a Catania, è stato sposato ma non ha avuto figli, la sua professione di calzolaio lo ha portato, anche, a lavorare a Parigi. “Sono un appassionato di politica e di calcio – ha affermato Giuseppe Mirabella o zio Pippo, come preferisce farsi chiamare.

L’Arcivescovo Gristina ha impartito, prima del taglio della torta, una benedizione speciale a zio Pippo, a tutti gli anziani e ai presenti.  
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

  • Coronavirus, Musumeci: "Scuole chiuse solo a Palermo. Sicilia non è zona rossa né gialla"

Torna su
CataniaToday è in caricamento