Zona industriale, Irsap: "In funzione la terza pompa di sollevamento del canale Arci"

Da un sopralluogo è emerso che l’installazione consentirà di garantire che l'acqua non sfoci in prossimità dei lidi e che le acque dei canali una volta che si solleva non invadano i piazzali dalle aziende

Foto archivio

Installata una terza pompa a cura del Comune di Catania nell'impianto che solleva le acque del canale Arci e le porta al depuratore gestito dalla Sidra e ripristinata la pompa guasta che aveva causato le inondazioni sul piazzale in cui sono insediate le aziende. Dal sopralluogo congiunto dei tecnici del Comune di Catania e dell’Ufficio periferico IRSAP di Catania di martedì scorso nella zona industriale di Pantano d'Arci è emerso che l’installazione della terza pompa consentirà da un lato di garantire che l'acqua del canale Arci non sfoci in prossimità dei lidi, dall'altro che le acque dei canali una volta che si solleva non invadano i piazzali dalle aziende insediate nella zona industriale provocando disagi.

“Ad oggi il Comune di Catania sta legittimamente provvedendo a prestare la manutenzione e la gestione dell’impianto di sollevamento posto sul canale Arci nell’ambito della ZIC con propri uomini, mezzi e risorse finanziarie, – dice il commissario ad acta IRSAP, Giovanni Perino – siamo consapevoli dell’attenzione dell’amministrazione Pogliese nei confronti dell’area industriale per cui ha anche assegnato una delega specifica all’assessore Giuseppe Arcidiacono - dice Perino - come Ente siamo ben lieti di collaborare fattivamente e interloquire con il Comune così come stiamo facendo per venire incontro alle esigenze delle imprese e affrontare le problematiche. - e continua – Se da un lato i giudici del TAR pretenderebbero di attribuire la gestione dell’impianto di sollevamento all’IRSAP, ente pubblico non economico vigilato dalla Regione siciliana ed a finanza derivata, rimane il fatto che in atto l’Ente non dispone di sufficienti risorse finanziarie. Contro la sentenza del Tar, l’Ente sta facendo ricorso al CGA”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La problematica dell’impianto di sollevamento del canale Arci vede l’IRSAP costretto a gestire un impianto di sollevamento, di proprietà del Comune di Catania, che solleva le acque del canale naturale Arci nella zona industriale Comunale (Z.I.C.), e le porta all’impianto di depurazione del Comune di Catania, gestito dalla sua società Sidra S.p.A. “Le fuoriuscite di acqua avvengono - spiegano dall’Ufficio periferico Irsap di Catania – per effetto di uno sbarramento, realizzato dal Comune di Catania nel canale, che non consente il naturale deflusso delle acque mediante la foce posta tra il lido Roma ed il lido Alkamar”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento