Zona industriale senz'acqua, Ugl: "Auspichiamo una nuova stagione di investimenti”

Tirano un piccolo sospiro di sollievo i segretari provinciali Ugl dopo aver appreso la notizia dell’impegno da parte dell’Irsap di investire 70 mila euro per la riparazione delle pompe idriche

“Dopo numerose proteste e richieste finalmente qualcosa si muove!” Tirano un piccolo sospiro di sollievo i segretari provinciali delle federazioni Metalmeccanici e Chimici della Ugl, Angelo Mazzeo e Carmelo Giuffrida, dopo aver appreso la notizia dell’impegno da parte dell’Irsap di investire nell’immediato 70 mila euro per la riparazione delle pompe idriche che consentiranno di portare l’acqua in parte della zona industriale.

“Meglio tardi che mai! C’è voluto l’intervento del prefetto per assicurare la risoluzione di un problema che rientra nel campo dell’ordinaria amministrazione. Tutto ciò è la semplice cartina tornasole del fatto che il nostro sito produttivo continua a sprofondare nel più totale abbandono, considerato che l’ordinario è ormai diventato più che straordinario. Non possiamo, dunque, che apprezzare l’intervento del neo commissario dell’istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, Gaetano Clemente, che ha subito sbloccato la somma per dare seguito ad un lavoro di manutenzione divenuto indispensabile. Ci auguriamo, adesso, che questo non sia soltanto fumo negli occhi, anche perché la cronaca di questi ultimi anni è stata piena di finte partenze mai seguite da un vero e proprio piano per la valorizzazione dell’area industriale catanese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Auspichiamo quindi una nuova stagione, volta al confronto con il mondo imprenditoriale e sindacale, ma soprattutto votata alla rinascita di uno dei più importanti insediamenti industriali nazionali. Lo immaginiamo ancora una volta per le tante aziende che li vi hanno investito e per le migliaia di lavoratori che ci lavorano. Sarebbe un peccato fermarsi nuovamente o perdere tempo ulteriore, - conclude Ugl Catania - anche perché si potrà correre il rischio di aver presentato ai cinesi un’area che anziché essere attrazione per gli investimenti potrebbe indurre gli imprenditori a fuggire.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento