Zona industriale, si comincia con pulizia e decespugliamento da parte del Comune

Si procederà in maniera graduale a partire dalle situazioni più gravi. Poi si passerà a manutenzione stradale, illuminazione, pulizia anche dei canali secondo un cronoprogramma stabilito in linea di massima ma ancora in via di definizione

Inizieranno entro due settimane gli interventi decisi dal Tavolo tecnico sulla zona industriale di Catania. Nel corso del sopralluogo tecnico svoltosi ieri a partire dalle 8,30 nell'area della zona industriale, è stato deciso che si comincerà con una pulizia straordinaria e con il decespugliamento da parte del Comune di Catania.

Si procederà in maniera graduale a partire dalle situazioni più gravi. Poi si passerà a manutenzione stradale, illuminazione, pulizia anche dei canali secondo un cronoprogramma stabilito in linea di massima ma ancora in via di definizione anche perché saranno ascoltate le esigenze di tutti gli interessati alla zona industriale.

Al sopralluogo erano presenti per il Comune l'assessore Rosario D'Agata, il direttore dell'Ecologia Salvatore Cocina, Rosario Marino degli Interventi speciali e Orazio Fazio dello staff del Sindaco. Presenti inoltre Antonello Biriaco, vicepresidente vicario Confindustria Catania, Daniele Tricomi, dirigente dell'Irsap, Fabrizio Casicci, direttore di Confindustria etnea, Giovanni Spampinato, dirigente del Genio Civile , Isidoro Vitale, dirigente dell'Amt, Francesco Caizzone, site manager della STMicroelectronicis ed Ettore Spada, responsabile impianti della stessa ST.

Proprio nella sede dell'industria hi-tech si è svolta, al termine del sopralluogo, una riunione operativa per analizzare nel dettaglio i tempi delle varie linee d'intervento previste, a cominciare dalla riparazione delle buche delle strade da parte del Comune.

La risistemazione complessiva della rete stradale è invece di competenza dell'Irsap, così come l'illuminazione. Per quanto riguarda i canali, i tecnici del Comune hanno raccomandato di provvedere prima delle piogge autunnali in maniera da evitare allagamenti. Il Genio civile si occuperà del monitoraggio tecnico. La decisione di istituire il tavolo era stata presa dopo una riunione convocata in Municipio dal sindaco di Catania Enzo Bianco con l'assessore regionale alle Attività produttive Linda Vancheri, il presidente dell'Irsap (Istituto regionale per lo sviluppo delle Attività produttive) Alfonso Cicero, i vertici etnei di Confindustria e rappresentanti del mondo produttivo e delle grandi aziende presenti nella Zona industriale catanese. In quell'occasione il Sindaco aveva lanciato l'idea del tavolo tecnico sottolineando come gli industriali avessero il diritto di avere un interlocutore unico per risolvere criticità non più differibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento