Rassegna Platamone Live: "Curri l’aria"

Giovedì 8 settembre al Cortile Platamone di Catania alle 21 “Curri l’aria” di Rocco Lombardo ed Elisa Di Dio, per la regia di Angelo Di Dio e Filippa Ilardo. Interpreti Elisa Di Dio, Nadia Trovato, Mario Incudine con le sue musiche dal vivo. Una produzione Compagnia dell’Arpa di Enna.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

La storia fatta dagli uomini è raccontata dalle donne in “Curri l’aria”, la pièce di Rocco Lombardo ed Elisa Di Dio, per la regia di Angelo Di Dio e Filippa Ilardo, prodotta dalla Compagnia dell’Arpa di Enna, in scena a Catania giovedì 8 settembre alle 21 presso il Cortile Platamone (Via Landolina), nell’ambito degli eventi del cartellone Platamone Live (ingresso Euro 8).

Nello spettacolo, ideato in occasione dei festeggiamenti del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, le due protagoniste, interpretate da Elisa Di Dio e Nadia Trovato, raccontano l’impresa garibaldina in Sicilia dal punto di vista femminile, disincantato e realistico.

Si tratta di due donne molto diverse tra loro per cultura ed esperienza di vita: la cantante lirica Emilia Testa, che lascia la vita artistica per sposare l’uomo che ama, e la giornalista inglese Jessie White che al seguito dell’Eroe dei Due Mondi documenta l’impresa dei Mille e conduce inchieste sulla povertà e il degrado meridionale, in particolare, sulla condizione degli operai delle zolfare. A loro è affidata la narrazione di quei giorni in cui si respira l’eccitante aria della Rivoluzione, ma con il retrogusto amaro dei tempi futuri, non tralasciando i riferimenti alle attuali rivendicazioni dei popoli che sono la cronaca della nostra quotidianità.

Emilia e Jessie sono interpreti di tutto quel mondo femminile che ama e osanna Garibaldi: da Giuseppina Raimondi - la sposa ripudiata -, all’eroina catanese Beppa la Cannunera, all’amata Anita. Uno spettacolo ricco di atmosfere, grazie anche alle sonorità delle composizioni di Mario Incudine, eseguite dal vivo dallo stesso musicista insieme a Antonio Vasta (fisarmonica, organetto e zampogna “a paru”), Antonio Putzu (flauti etnici e popolari) e Francesca Incudine (voce, tamburi a cornice e percussioni). I costumi sono di Luca Manuli; direzione artistica, Sebastiano Gesù; direttore di scena, Sabrina Sproviero; macchinisti di scena Salvatore Bellanti e Paolo La Monica; organizzazione Aurora Tilaro; foto di scena Maria Catalano.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento