rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Diretta

Elezioni a Catania 2023, risultati sindaco e Comune: notizie e aggiornamenti in diretta

Dopo un lungo commissariamento, successivo alle dimissioni di Salvo Pogliese, i cittadini catanesi sono stati chiamati alle urne per scegliere il nuovo sindaco di Catania. Sette i candidati: Maurizio Caserta, Enrico Trantino, Lanfranco Zappalà, Giuseppe Lipera, Vincenzo Drago, Giuseppe Giuffrida e Gabriele Savoca. L'affluenza al voto a Catania come nel resto della provincia, è stata bassa. Alle ore 15, chiusi i seggi. Comincia lo spoglio.

Elezioni comunali a Catania, sezioni scrutinate 273 su 336

Sezioni pervenute 273 su 336. 

DRAGO VINCENZO - VOTI 330 (0.28%)

ZAPPALA' LANFRANCO - VOTI 2.405 (2.04%)

CASERTA MAURIZIO GIUSEPPE GIACOMO - VOTI 29.003 (24.62%)

TRANTINO ENRICO - VOTI 77.983 (66.19%)

GIUFFRIDA GIUSEPPE - VOTI 1.066 (0.90%)

SAVOCA GABRIELE - VOTI 4.702 (3.99%)

LIPERA GIUSEPPE detto PEPPINO - VOTI 2.330 (1.98%)

Comunali: 233 sezioni su 336, Fdi primo partito a Catania

Fratelli d'Italia con il 15,08% dei voti è il primo partito a Catania. Un dato che sale al 23,58% se si sommano le preferenze (8,50%) ottenute dalla lista civica collega che porta il nome del candidato sindaco eletto, Enrico Trantino, di FdI. E quanto emerge da una prima analisi dei voti alle liste per le Comunali a Catania. Dopo la chiusura dei seggi, ieri alle 15, sono 233 le sezioni scrutinate su 336. Le due liste dell'ex governatore e leader del Mpa, Raffaele Lombardo, sfiorano il 17%: Grande Catania è al 10,50% e Noi con la Sicilia popolari e autonomisti al 6,42%. Il quadro delle liste del centrodestra è completato da Forza Italia (12,72%), Prima l'Italia (11,28%), e Noi moderati Democrazia cristiana di Totò Cuffaro (6,61%) Delle sei liste che hanno appoggiato la candidatura del professore Maurizio Caserta sono due, al momento, entreranno a fare parte del nuovo Consiglio Comunale di Catania: il Partito democratico, col 8,32%, e il Movimento 5 stelle, con il 5,63%. Restano fuori le altre quattro, compresa Con Bianco per Catania, sostenuta dall'ex ministro ed ex sindaco della città, Enzo Bianco. Non ce la fanno a entrare in Consiglio Comunale nessuna delle altre liste a sostegno degli altri candidati sindaci. Tra loro quella dell'ex consigliere comunale Lanfranco Zappalà, fermo all'1,86%, e le due liste di Cateno De Luca, Sud chiama Nord (3,40%) e De Luca sindaco (0,79%). La lista a sostegno dell'avvocato Giuseppe Lipera è all'1,30% mentre quella per Vincenzo Drago è allo 0,24%

Primo partito a Catania è Fratelli d'Italia, seguono le due liste di Mpa

Primo partito in città al momento è Fratelli d'Italia con il 23.33% se si sommano le liste dello stesso Trantino e del partito. Segue, questo il dato più interessante, il Mpa del leader e fondatore del movimento, Raffaele Lombardo, con le due liste, quella autonomista e l'altra di rifermento, "Grande Catania", che sommate fanno il 17,07%. Forza Italia, al momento è il terzo partito del centrodestra catanese con il 12,77%, a seguire la Lega di Matteo Salvini Prima l'Italia con l'11,40%, chiude 'Noi moderati Democrazia Cristiana' con il 6,71%.

Enrico Trantino: "Non è tempo di festa, ma di responsabilità"

"Non è tempo di festa, ma di responsabilità. Essere sindaco non è un titolo, fregio o mostrina. Deve essere impegno a favore di una comunità. Perché ricominci a credere in se stessa e a nutrire la speranza di un cambiamento". Lo afferma, su Facebook, Enrico Trantino, candidato del centrodestra che si appresta ad avere l'ufficialità della vittoria nell'elezione a primo cittadino a Catania. Quando sono state scrutinate poco più della metà delle sezioni, 186 su 336, l'esponente di Fratelli d'Italia ha ottenuto 46.172 preferenze, pari al 66.77%, seguito dal candidato a sindaco del centrodestra e M5s, Maurizio Caserta, che ha avuto 16.042 voti, pari al 23.20%. Il divario appare incolmabile e Caserta si è già congratulato con Trantino. "51 anni fa. Un bambino - scrive Trantino su Facebook - si affacciava su piazza Università durante il comizio di suo padre. Non ricordo cosa pensasse. Ma deve avere sognato che quel mondo incantato visto con gli occhi di chi è innocente, dovesse piacere alla folla festante. Quel bambino si fece adulto. E dalla stessa piazza parlò Catania - quell'adulto deve dimostrare di avere meritato il consenso". Lo dobbiamo, sottolinea, "ai nostri figli", a "chi è rimasto indietro", a "chi ha smesso di sperare", a "una città straordinaria". "Io - chiosa - amo Catania. Grazie noicatania"

Assoesercenti Sicilia: "Buon lavoro al nuovo sindaco Trantino"

"Nel porgere le nostre congratulazioni al nuovo sindaco di Catania,  Enrico Trantino, auguriamo al nuovo primo cittadino e alla futura giunta un proficuo lavoro per la ricostruzione del tessuto imprenditoriale della città, fondamentale per la ricrescita economica del territorio post pandemia. Così Salvo Politino, presidente Assoesercenti Sicilia. 

"Alla luce del suo programma e delle priorità elencate in campagna elettorale - ha aggiunto Politino - ci auguriamo che la nuova amministrazione comunale dia vita ad un tavolo permanente di confronto con le associazioni di categoria in modo da affrontare in maniera sistematica le principali problematiche che affliggono Catania: dal decoro, alla sicurezza, all'abusivismo, alla legalità. La nostra associazione sarà, come sempre, proiettata al dialogo e disponibile a fornire strumenti e valutazioni per la crescita e lo sviluppo di questa città".

Continua lo spoglio a Catania, sezioni scrutinate 186 su 336

Sezioni scrutinate 186 su 336. 

DRAGO VINCENZO - VOTI 564 (0.82%)

ZAPPALA' LANFRANCO - VOTI 1.437  (2,03%)

CASERTA MAURIZIO GIUSEPPE GIACOMO - VOTI 10.261 (23,58%)

TRANTINO ENRICO - VOTI 29.263 (66.77%)

GIUFFRIDA GIUSEPPE - VOTI 554  ( 0.80%)

SAVOCA GABRIELE - VOTI 2.976 (4.30%)

LIPERA GIUSEPPE detto PEPPINO - VOTI 1.410 (2.04%)

Elezioni comunali, continua lo spoglio a rilento: 122 sezioni scrutinate su 336

Risultati relativi a n. 122 su n. 336 sezioni

DRAGO VINCENZO - VOTI 126 (0,29%)

ZAPPALA' LANFRANCO - VOTI 882  (2,03%)

CASERTA MAURIZIO GIUSEPPE GIACOMO - VOTI 10.261 (23,58%)

TRANTINO ENRICO - VOTI 29.263 (67,26%)

GIUFFRIDA GIUSEPPE - VOTI 359  ( 0,82%)

SAVOCA GABRIELE - VOTI 1.789 (4,11%)

LIPERA GIUSEPPE detto PEPPINO - VOTI 828 (1,90%)

Scrutinate 34 delle 336 sezioni elettorali di Catania

Quando sono state scrutinate 34 delle 336 sezioni elettorali di Catania (poco più del 10%), il candidato sindaco del centrodestra Enrico Trantino è saldamente in testa con il 63,30% che gli garantisce la vittoria al primo turno. I dati del Comune di Catania indicano il candidato del centrosinistra, Maurizio Caserta, al 26,65%. Terza piazza per Gabriele Savoca, di Sud chiama nord, con il 4,57%. Seguono gli altri candidati: Lanfranco Zappalà, Giuseppe Lipera, Giuseppe Giuffrida e Vincenzo Drago.

Risultati relativi a n. 34 su n. 336 sezioni

DRAGO VINCENZO - VOTI 30 (0,31%)

ZAPPALA' LANFRANCO  - VOTI 216 (2,24%)

CASERTA MAURIZIO GIUSEPPE GIACOMO - VOTI 2.565 (26,65%)

TRANTINO ENRICO - VOTI 6.092 (63,30%)

GIUFFRIDA GIUSEPPE - VOTI 104 (1,08%)

SAVOCA GABRIELE - VOTI 440 (4,57%)

LIPERA GIUSEPPE detto PEPPINO -  VOTI 177 (1,84%)

Procede al rilento lo spoglio delle schede elettorali

Procede al rilento lo spoglio delle schede elettorali per le Comunali a Catania. Con le urne chiuse dalle ore 15 al momento risultano ufficialmente scrutinati 13 dei 336 seggi. I dati, molto parziali, si attestano all'incirca sulle proiezioni: il candidato sindaco del centrodestra, Enrico Trantino, è 64.81% delle preferenze, seguito dal candidato di centrosinistra e M5s, Maurizio Caserta, col 26.33% dei voti.

Cantarella (Lega): "Trantino garanzia di serietà per i cittadini"

Cantarella (Lega): "Trantino garanzia di serietà per i cittadini"

"È stato bello avere al tavolo delle trattative tante alternative, tra cui anche Valeria Sudano che era un nome altrettanto valido. Trantino ha rappresentato una sintesi perfetta. Cosi il coordinatore provinciale della Lega, Fabio Cantarella a Cataniatoday. 

"Ha già ricoperto l'incarico di assessore  -ha aggiunto - era con noi nei momenti più drammatici. Penso al Covid, al dissesto, poi evitato anche grazie all'intervento risolutivo della Lega. Conosce bene i progetti già avviati e quelli che saranno in cantiere a breve. Tutto questo ha dato al cittadino una garanzia di serietà. Non so se il prossimo vicesindaco sarà della Lega. Ci sono patti chiari per i prossimi passi che porteranno alla definizione della squadra completa. Noi metteremo tutte le energie possibili, come del resto abbiamo fatto anche in altre circostanze".

Nello Musumeci: "Vittoria di Trantino schiacciante"

Nello Musumeci: "Vittoria di Trantino schiacciante"

"La schiacciante vittoria di Enrico Trantino a Catania riconsegna la guida della città al centrodestra. Lo stesso risultato, raggiunto in tutta Italia, conferma il generale gradimento della linea del governo da parte degli italiani. Ad Enrico Trantino le mie più sincere congratulazioni, ai candidati al Consiglio comunale un grande in bocca al lupo". Lo scrive su Facebook il ministro per la Protezione civile le Politiche del mare, Nello Musumeci.

Caserta: "Ho chiamato Trantino per congratularmi con lui"

Caserta: "Ho chiamato Trantino per congratularmi con lui"

"I dati sono questi e il risultato è abbastanza chiaro. Noi siamo soddisfatti per quello che abbiamo fatto e comincia da qua un percorso per 'un'alternativa forte' e siamo fiduciosi, determinati e tenaci". Lo ha affermato il candidato sindaco di centrosinistra e M5s a Catania, Maurizio Caserta, aggiungendo di avere "chiamato l'avvocato Enrico Trantino per congratularmi, ma non sono riuscito a parlare ancora con lui". 

Trantino: "Serve responsabilità, condizione Comune non permette trionfalismi"

"Questo Comune per la condizione che vive non permette trionfalismi; solo grande senso di responsabilità. Se verranno confermate le proiezioni, subito si avvierà una serie di tavoli per verificare alcuni fondamentali da cui dipende l'inizio di questa amministrazione”. Lo afferma il candidato sindaco di Catania per il centrodestra, Enrico Trantino, ampiamente avanti nelle proiezioni.

“C'è tanto di buono - aggiunge - in questa coalizione. Non dimentichiamo che è la coalizione del governo regionale e nazione e quindi c'è una sintesi assolutamente perfetta che consente di essere anche ottimisti su questo governo. Dispiace per la bassa affluenza, che dovrà servire da monito per invogliare la gente in futuro ad appassionarsi alla politica e ad andare a votare".

"Sul tema della sicurezza - ha concluso - una delle priorità sarà quella di chiedere al ministero della Difesa la presenza di militari come deterrente in alcuni quartieri a rischio".

Cancelleri (FI): "Candidatura Caserta non ha entusiasmato l'elettorato"

Cancelleri (FI): "Candidatura Caserta non ha entusiasmato l'elettorato"

"L'elezione di Enrico Trantino a sindaco di Catania è avvenuta quando l'intero centrodestra ha deciso di candidare l'avvocato. il suo avversario Maurizio Caserta è un professore universitario eccellente ma certamente non ha alcuna capacità di entusiasmare gli animi dei suoi supporter". Lo ha detto l'ex viceministro grillino Giancarlo Cancelleri, oggi passato a Forza Italia.

Trantino: "Basta parlare di continuità o discontinuità. Mi amareggia il dato sull'affluenza"

Trantino: "Basta parlare di continuità o discontinuità. Mi amareggia il dato sull'affluenza"

"Mi amareggia il dato sull'affluenza alle urne, c'è bisogno che tutti i cittadini credano in quello che fa l'amministrazione. La bassa affluenza è stata passo falso per la città". Così Enrico Trantino, candidato del centrodestra a Catania, parlando dalla sede della sua segreteria in attesa del risultato finale."L'amministrazione deve avere anche il compito di incoraggiare chi non è andato a votare - prosegue - la città non è del sindaco ma è dei catanesi. Bisognerà incoraggiare la gente con una serie di iniziative ed essere bravi a non disperdere in straordinarie capacità di risorse comunitarie, poi servirà un'efficace campagna di comunicazione perché i dati della vitalità di una città sono dati dalla percezione che deve essere anche favorita in una narrazione positiva che faccia capire quanto Catania ha di straordinario", dichiara Trantino.

"Io desidererei che smettessimo di parlare di continuità, discontinuità. Io ho sempre detto che dal punto di vista programmatico non ho alcuna difficoltà a parlare di continuità, perché comunque sfido chiunque a dire che quel programma non andasse bene. Poi chiaramente ci sono stati alcuni incidenti di percorso non determinati da noi, non determinati dal sindaco Pogliese, che hanno inciso sul rapporto fra l'amministrazione e la città perché è mancato il sindaco. Ma devo anche dire, perché qualcuno potrebbe malevolmente pensare che il sindaco si sarebbe dovuto dimettere subito, devo anche precisare che lui si voleva dimettere. Siamo stati noi a implorarlo affinché rimanesse, perché avremmo perso tantissime risorse del Pnrr, perché la gestione commissariata non avrebbe mai potuto intercettare i fondi". 

Manlio Messina (Fdi): "Centrodestra granitico sul territorio"

"Una vittoria importante, merito di un centrodestra con una coalizione granitica a livello regionale e nazionale. Anche Catania va in questa direzione ed avrà un sindaco capace di interpretare e risolvere i problemi dei cittadini". Lo ha detto Manlio Messina che aggiunge: "Un consiglio che mi sento di dare a Trantino? È necessario, dopo essersi ambientato, uscire dal palazzo, ascoltare i cittadini e le loro richieste. Sono certo che saprà rendersi conto immediatamente delle priorità per questa città".

Elezioni amministrative, affluenza in Sicilia del 56,39%

È di oltre il 56,39% il dato definitivo dell'affluenza alle urne nei 128 Comuni siciliani interessati dalle elezioni amministrative del 28 e 29 maggio. Complessivamente hanno votato 756.144 cittadini su 1.340.983 aventi diritto. In provincia di Catania (19 comuni alle urne), il 57% degli elettori (280.779).

Trantino festeggia già ma dichiara: "Su exit poll non parlo, aspetto dati reali"

"Sugli exit poll non facciamo nulla, prima dei dati reali non parlo". Così, entrando nella sede del comitato elettorale, il candidato a sindaco del centrodestra a Catania, Enrico Trantino di FdI, che, secondo le prime proiezioni è al 66,6% delle preferenze. Però facendo ingresso tra i suoi sostenitori, Trantino appare commosso, riceve gli abbracci e applausi e ringrazia i presenti. Mancano ancora i dati reali dello scrutinio, ma già si festeggia.

Gasparri (Fi): "Si profila una larghissima affermazione del centrodestra"

"Si profila una larghissima affermazione del centrodestra anche in Sicilia a partire dalla città di Catania. Un risultato che mette all'angolo le varie sinistra, fa evaporare i grillini e che conferma le affermazioni della Schlein quando diceva che nessuno si era accorto che lei fosse arrivata sulla scena. In effetti nessuno se ne è accorto a vedere dai risultati". Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri, responsabile nazionale Enti locali di Forza Italia.

Proiezioni, su un campione del 30%: Trantino in vantaggio

Secondo le proiezioni di Noto Sondaggi per Vr Sicilia relativi a Catania su un campione del 30%, ore 16.52, Enrico Trantino 64,3% Maurizio Caserta 25,1% Gabriele Savoca 3,6% Lanfranco Zappalà 2,5% Giuseppe Lipera 0,0% Vincenzo Drago 0,0% Giuseppe Giuffrida 0,0% Altre 4,5%

Parisi (FdI): "Sarò assessore nella nuova giunta Trantino"

Parisi (FdI): "Sarò assessore nella nuova giunta Trantino"

'"C'era una coalizione di centrodestra prima, c'è una coalizione di centrodestra adesso. A Catania nonostante le grandi difficoltà abbiamo fatto un buon lavoro. L'utilizzo dei fondi comunitari lo testimonia e nei prossimi cinque anni continueremo a dimostrarlo''. Lo afferma l'ex assessore comunale allo sport di Catania, Sergio Parisi, in quota Fratelli d'Italia. Commentando gli exit poll che danno ampiamente in vantaggio il candidato sindaco di centrodestra, Enrico Trantino, Parisi, anticipa che sarà designato nuovamente come assessore. "Sarebbe la terza volta - ha sottolineato Parisi - con altrettante sindacature".

Cardillo (Fdi): ''La bontà della scelta di Enrico Trantino sarà confermata dai dati reali"

''La bontà della scelta di Enrico Trantino a candidato sindaco di Catania, persona assolutamente preparata e capace, mi pare sia stata la più giusta e ciò viene testimoniato da questi primi exit poll che immaginiamo saranno confermati dai dati reali''. Lo afferma il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia di Catania, Alberto Cardillo in merito ai primi exit poll che vedrebbero il candidato del centrodestra, Enrico Tarantino, di Fratelli d'Italia, in netto vantaggio per la poltrona più ambita di Palazzo degli Elefanti. 

Barbagallo (Pd): "Non commento gli exit poll, aspettiamo i dati ufficiali"

''Non commento gli exit poll, aspettiamo i dati ufficiali. Va piuttosto sottolineato il dato di una affluenza che in Sicilia pare ancor di più scendere nonostante la mezza giornata in più per recarsi alle urne. Ciò dimostra ancora di più la distanza fra la politica e i cittadini e questo impone una profonda riflessione''. Lo afferma il segretario regionale del Pd siciliano, Anthony Barbagallo, commentando i primi dati di exit poll sulle amministrative in 128 Comuni siciliani, ed in particolare sul dato di Catania che vedrebbe più avanti il candidato sindaco di centrodestra.

CataniaToday è in caricamento