Affitti in nero: Catania tra abusivismo e evasioni

Persistono gli affitti in nero in città: il dossier del Sunìa Cgil "Fai il tagliando al tuo contratto" ha fatto luce sulla grave situazione degli affitti abusivi a Catania

Aveva smosso un po' le acque il servizio de Le Iene sugli affitti in nero e sul metodo per abbassarli del 90 %. Ma, ad oggi, la situazione non è certo cambiata. Il dossier del Sunìa Cgil "Fai il tagliando al tuo contratto" ha fatto luce sulla grave situazione che persiste in città. Stanzette ammobiliate, seminterrati, camere a tre-quattri-cinque letti: sono le case degli studenti fuorisede a Catania, costretti a pagare affitti a peso d'oro e in nero.

Contratti scritti e mai registrati. Contratti registrati solo una volta all'inizio della locazione. Finti comodati d'uso. A subire maggiormente, infatti, sono gli studenti universitari. Questi i numeri: è in nero l'85% degli affitti a studenti, l'80% a migranti.

La Sunia Cgil - per arginare il fenomeno degli affitti abusivi in città - propone che ogni Comune stipuli con l'Agenzia delle Entrate una convenzione appena prevista dal provvedimento contro l'evasione fiscale: così sarà possibile incrociare i dati dei contratti d'affitto registrati con quelli della Tarsu, della luce, del gas, e poi vedere le differenze. Inoltre, propone che la nuova tassa sulla casa, cioè l'Imu (imposta municipale unica) sia applicata in modo da favorire i contratti a canone concordato: nella maggior parte dei casi le case sfitte sono affittate in nero, per questo l’IMU va applicata al massimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per far emergere il nero, ha spiegato il sindacato, la "cedolare secca" non si è rivelata valida: nelle casse dello Stato è entrato solo un quinto dei 2 miliardi e 500 mila euro previsti per il primo anno. Una situazione che si inserisce già nel quadro a tinte fosche che riguarda gli sfratti: nel 2010 a Catania sono stati circa 670 a fronte di 1.050 provvedimenti, il 57,41% in più rispetto al 2009. Di questi l’85% è dovuto alla morosità. Nel 2011 gli sfratti sono cresciuti del 15%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento