Aias, 200 dipendenti senza stipendio: si chiede chiarezza

Lavoratori costretti ad operare senza la certezza di percepire gli stipendi: già due le mensilità di ritardo nel pagamento, con pesanti ripercussioni sul bilancio familiare. E' quanto denunciato dai sindacalisti

Lavoratori costretti ad operare senza la certezza di percepire gli stipendi: già due le mensilità di ritardo nel pagamento, con pesanti ripercussioni sul bilancio familiare. E' la descrizione fornita dai sindacalisti, in merito alla situazione «di estremo disagio cui sono costretti ad operare i 200 dipendenti dell’Aias–Csr (il Consorzio Siciliano di Riabilitazione).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati Funzione Pubblica di Cgil, Cisl e Uil di Catania, denunciano così ancora una volta il comportamento del presidente dell’Aias–Csr: "Non si capisce la posizione di netta chiusura da parte dell’ingegnere Lo Trovato nel non avviare corrette relazioni sindacali – si legge in una nota firmata dai tre segretari generali Agliozzo, Coco e Passarello- Pertanto, nel mantenere vivo lo stato di agitazione del personale, già proclamato dalle segreterie nazionali, chiediamo un intervento all'Aias, all'assessore regionale alla Salute e al direttore dell'Asp affinché si riesca a risolvere tali problematiche, riservandosi di procedere ad azioni legali individuali mirate alla garanzia del regolare pagamento delle spettanze arretrate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

Torna su
CataniaToday è in caricamento