rotate-mobile
Economia

Perché da oggi fare benzina e diesel costa di più

Dalla mezzanotte del 1° dicembre è scattato il dimezzamento dello sconto, a causa dell'aumento delle accise. Il rialzo di 10 centesimi è stato previsto dal governo Meloni: per le casse dello Stato questo si tradurrà in un gettito di 317 milioni di euro in più (solo in un mese)

Brutta sorpresa per gli automobilisti: da oggi fare rifornimento di carburante costa di più. Dalla mezzanotte del 1° dicembre, infatti, si è dimezzato lo sconto a causa dell'aumento delle accise su benzina, gasolio e gpl. Un rialzo di 10 centesimi previsto dal governo Meloni con il decreto accise dello scorso 23 novembre. Il rincaro sui rifornimenti sarà maggiore, però: se si considera che sulle accise si applica anche l'Iva al 22%, a conti fatti l'aumento del prezzo alla pompa per benzina e diesel sarà di 12,2 centesimi al litro. Una manna dal cielo per le casse dello Stato: il rialzo delle accise si tradurrà in un gettito di 317 milioni di euro in più solo nel mese di dicembre, secondo i calcoli di Assoutenti. L'associazione stima gli effetti del dimezzamento del taglio sulle accise per l'erario considerando una media di due pieni mensili a famiglia. A questo ritmo mensile, in un anno finiranno nelle casse dello Stato circa 3,8 miliardi in più.

Da oggi benzina e diesel costano di più

I prezzi dei carburanti tornano insomma a salire per la prima volta in nove mesi, cioè da quando a marzo il governo Draghi aveva approvato un decreto per tagliare i prezzi e contrastare l'aumento dovuto all'inflazione e alla guerra in Ucraina. Da allora lo sconto era stato prorogato ogni mese fino a novembre. Il 23 novembre scorso, come detto, il governo di Giorgia Meloni ha approvato un nuovo decreto che prevede una riduzione dello sconto a partire da oggi e per un mese.

Nel dettaglio, da oggi le accise sulla benzina salgono da 47,84 a 57,84 centesimi al litro, quelle sul gasolio da 36,74 a 46,74 euro al litro, quelle sul gpl da 18,26 a 26,67 centesimi al litro. Questo significa che sulla base dei listini odierni dei carburanti, la benzina in modalità servito passerà da una media di 1,801 euro al litro a 1,923 euro/litro, mentre il gasolio da 1,885 euro volerà a 2,007 euro/litro, sfondando la "soglia psicologica" dei 2 euro. Per il self, secondo i calcoli del Codacons, i prezzi alla pompa della verde passeranno da una media di 1,650 euro/litro di ieri a 1,772 euro di oggi, il diesel da 1,733 euro/litro a 1,855 euro/litro. Un pieno di benzina o gasolio costerà 6,1 euro in più, con un aggravio pari a +146,4 euro a famiglia su base annua, considerando due pieni al mese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché da oggi fare benzina e diesel costa di più

CataniaToday è in caricamento