Camera di Commercio: chiuse oltre 869 attività commerciali in città

In un solo anno, dal 2010 al 2011, hanno chiuso bottega 271 aziende manifatturiere, 272 imprese di costruzioni, 79 ditte di trasporti e magazzinaggio

Sono dati allarmanti quelli resi noti da uno studio della Camera di Commercio di Catania. In un solo anno, dal 2010 al 2011, hanno chiuso bottega 271 aziende manifatturiere, 272 imprese di costruzioni, 79 ditte di trasporti e magazzinaggio. In 869 non compaiono più nell'albo delle imprese artigiane iscritte alla Camera di Commercio etnea.

Basta fare anche un semplice giro tra le vie della città per capire la difficile situazione nella quale versano i commercianti etnei. Negozi costretti a chiudere, vetrine fantasma.

Tra le cause, come spiega il presidente della commissione Commissione provinciale per l’artigianato Diego Bonaccorso, la mancanza di credito da parte delle banche, che hanno stretto la cinghia, e la difficoltà a reperire fondi sia pubblici che privati. "Basti pensare - precisa Bonaccorso -che la Crias (la Cassa Regionale per il credito alle imprese artigiane siciliane) ha 14 mesi di ritardo, e che il sistema fiscale è ormai insostenibile. E' un danno per lo sviluppo e per l'occupazione".

Tracciando un breve quadro, ad essere maggiormente colpite sono state le attività relative alla manifattura, ai lavori edili, ai servizi in genere ma anche alle comunicazioni. L'unico dato positivo riguarda una sola impresa in più nel settore della fornitura di acqua e reti fognarie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il calo - sottolinea il presidente della Camera di Commercio Pietro Agen - non è relativo solo all’effettiva chiusura di botteghe, ma anche all’improvviso passo indietro di alcuni operatori che hanno scelto di continuare a lavorare sì, ma in nero". Un grido d'allarme che ha spinto i rappresentanti della commissione a chiedere un incontro con le associazioni di categoria e con Provincia e Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento