rotate-mobile
Economia

Confartigianato: "In Sicilia 63mila imprese a rischio per il caro-bolletta"

L'organizzazione si prepara alla manifestazione unitaria in Sicilia, che si terrà a Palermo il prossimo 7 novembre

In Sicilia sono 63 mila le micro e piccole imprese a rischio per lo choc economico che vive il Paese; oltre 165 mila i posti di lavoro in pericolo. La crisi energetica potrebbe oscurare un sistema produttivo in enorme difficoltà che sta spingendo la Sicilia al collasso. Sin da prima delle elezioni, i vertici di Confartigianato hanno incontrato i vari candidati, facendo una forte azione di lobby. Scatta ufficialmente un appello alla deputazione regionale e nazionale affinché "nessuna impresa chiuda". L'organizzazione si prepara alla manifestazione unitaria in Sicilia, che si terrà a Palermo il prossimo 7 novembre. Uno studio dell'Osservatorio economico di Confartigianato, individua 10 comparti manifatturieri con una più elevata intensità di utilizzo di gas ed energia elettrica. Si tratta dei settori maggiormente energivori dei minerali non metalliferi (ceramica, vetro, cemento, refrattari, ecc), carta, metallurgia, chimica, raffinazione del petrolio, alimentare, bevande, farmaceutica, gomma e materie plastiche e prodotti in metallo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confartigianato: "In Sicilia 63mila imprese a rischio per il caro-bolletta"

CataniaToday è in caricamento