Fp-Cgil lancia allarme: le Coop sociali sono senza stipendi da mesi

Il settore del privato sociale catanese continua ad avere problemi e, con essi, ritorna lo stato di agitazione dei 1000 lavoratori delle coop sociali che da mesi non ricevono lo stipendio

Il settore del privato sociale catanese continua ad avere problemi e, con essi, ritorna lo stato di agitazione dei 1000 lavoratori delle cooperative sociali che da mesi non ricevono lo stipendio, poichè le coop di riferimento non ottengono dal Comune le relative rimesse.

"La crisi che sta travolgendo il lavoro pubblico - ha dichiarato Gaetano Agliozzo, segretario generale della Funzione pubblica della Cgil - accompagnata all'assenza di garanzie da parte del Comune di Catania, mette in discussione pure l'ultimo residuo di stabilità lavorativa per gli operatori del settore Cooperative sociali".

"Lo stato di malessere del settore «rischia dunque di andare a discapito della collettività. Chiediamo dunque un tavolo tecnico permanente con l'amministrazione comunale che coinvolga le istituzioni locali - conclude Agliozzo - per garantire la continuità lavorativa ed il diritto alla retribuzione degli operatori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento