Accademia Euromediterranea, la creatività che diventa professione

E’ una creatività che guarda all’internazionalizzazione quella che si insegna all’Accademia Euromediterranea di Catania. Da anni, infatti, contribuisce a formare i nuovi designer nell’ambito della moda, del gioiello, del global design nell’area mediterranea. E non solo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

E’ una creatività che guarda all’internazionalizzazione quella che si insegna all’Accademia Euromediterranea di Catania. Da anni, infatti, contribuisce a formare i nuovi designer nell’ambito della moda, del gioiello, del global design nell’area mediterranea. E non solo.

L’Accademia, infatti, segue con interesse la carriera dei suoi diplomati che hanno deciso di intraprendere un percorso indipendente, trasformando il loro talento in professione. Così, durante e al termine degli studi, gli alunni dell’Accademia sono posti nelle condizioni di intraprendere con successo un percorso artistico e professionale.

Grazie ai numerosi accordi con aziende italiane e internazionali, gli studenti Harim vengono subito a contatto con il mondo del lavoro. E “ le storie di successo” non mancano. Carlo Caffarelli ha studiato Design del gioiello all'Accademia Euromediterranea. Dopo non si è più fermato. Adesso lavora come Jewellery and accessory designer presso Dolce & Gabbana. “Nell’ufficio in cui lavoro adesso- spiega Carlo - ci occupiamo prevalentemente di gioielli, bijoux ed accessori metallici che studiamo insieme all’ufficio della calzatura e pelletteria. Devo ringraziare la formazione a 360 gradi che ho ricevuto in Accademia se riesco a fare anche questo”.

E Giulia Calà – altra diplomata dell’Accademia – che, dopo un lungo stage presso L'Officiel, è volata in Inghilterra per un'altra indimenticabile esperienza niente di meno che dalla strepitosa ed anarchica Vivienne Westwood.

“Non capita spesso, per i giovani designer di avere opportunità per mostrare il proprio talento all'estero. Per questo, quando Andrea Vecci mi ha contattato per collaborare con il progetto Emporio dei Giovani sono stata molto entusiasta di aderire”. E’ il racconto di Marta Pagana che, dopo aver frequentato l’Accademia Euromediterranea, adesso vive e lavora a Berlino. “Ero elettrizzata all'idea di potermi cimentare in un'attività di cool hunting e di ricerca di marketing nell'area berlinese, analizzando canali di vendita e strategie commerciali per un'ottimale riuscita del lancio. Sono molto fiduciosa nella riuscita di questa splendida idea”. Senza dimenticare che l’Accademia da qualche mese è approdata anche in Giordania grazie a una partnership con l’azienda “La Panthera Establishment”.

 “Abbiamo sancito – spiega Marco Aloisi, direttore dell’Accademia - un accordo importante con una società giordana di import-export nel settore della moda e della bellezza. Internazionalizzazione e formazione sono le nostre priorità. In questa direzione, insegniamo ai nostri studenti a “vivere” e “sentire” la moda, l’arte e il design”. In conclusione, i corsi e i master dell’Accademia mirano a formare quelle figure fondamentali nel settore moda-design-gioiello, spaziando dal campo creativo a quello strategico, dagli aspetti organizzativi a quelli commerciali, dal marketing alle attività di immagine e comunicazione. 

Per info su corsi e iscrizioni

www.harim.it

I più letti
Torna su
CataniaToday è in caricamento