Crisi economica: crolla la vendita delle auto in città

L'alto tasso di disoccupazione e il costo sempre più caro delle assicurazioni sono alcuni dei motivi che hanno fatto crollare in città la vendita delle autovetture

La città etnea ha avuto un brusco crollo nell’acquisto di automobili. La denuncia arriva dall'Unrae, Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, che attraverso un'analisi delle immatricolazioni per area geografica dimostra la caduta del mercato dell’auto in Sicilia.

Secondo l’elaborazione Catania ha un calo del 28,7%. I dati dimostrano che nel primo trimestre del 2012 solo 3253 vetture sono state immatricolate a fronte delle 4563 del primo trimestre dell’ anno precedente.

La caduta del mercato dell'auto (-21% nel 1° trimestre 2012) coinvolge in particolare due regioni molto rappresentative delle vendite nel sud Italia: Campania (-35%) e Sicilia (-30%). La Sicilia con appena 16.166 unità vendute, ne perde circa 7.000 rispetto ad un anno fa.

I MOTIVI- "La congiuntura economica, l'aumento della disoccupazione che in Sicilia è arrivata al 15,2% (18,2% solo per le donne), l'alto prezzo delle Assicurazioni e la stretta creditizia alle Imprese ha commentato Romano Valente, Direttore Generale dell'UNRAE - colpiscono il settore auto e ne subiscono un rimbalzo in termini di aumento della disoccupazione, per la conseguente riduzione delle attività di vendita e di assistenza nelle nostre Concessionarie".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Coronavirus, in Sicilia 1.913 nuovi casi e 40 morti: a Catania +486 contagi

Torna su
CataniaToday è in caricamento