Formaggi storici siciliani, Ergon promuove la formazione dei propri specialisti

Il Pecorino Siciliano Dop e la Vastedda del Belice al centro del focus formativo presso il laboratorio didattico di Ergon Motta che ha coinvolto una parte dei dipendenti del gruppo leader nella grande distribuzione in Sicilia per illustrare, attraverso l’analisi sensoriale, le caratteristiche principali e distintive dei due formaggi siciliani ben differenti dai prodotti industriali

Grazie alla presenza dei docenti Pietro Pappalardo, responsabile Onaf Sicilia (l’organismo che raggruppa gli assaggiatori di formaggi) e dei docenti Massimo Todaro dell’Università di Palermo e Giuseppe Licitra dell’Università di Catania, sono stati messi in evidenza i principali fattori organolettici, ma anche gli aspetti nutritivi, che ne fanno la differenza e che sono i segni distintivi di produzioni lattiero-casearie di qualità e ricche di tradizioni. L’obiettivo del momento formativo, uno dei tanti che promuove Ergon per migliorare la preparazione dei dipendenti sempre al servizio dei clienti, è stato quello di accrescere la padronanza e le conoscenze dei propri specialisti che si occupano del settore formaggi in modo da poter veicolare anche ai consumatori il plus di queste importanti produzioni casearie, favorendo un acquisto consapevole. I 25 partecipanti, tutti specialisti provenienti da alcuni punti vendita ad insegna Despar, Eurospar, Interspar della Sicilia, hanno manifestato piena soddisfazione per questo percorso formativo che ha permesso di accrescere dal punto di vista professionale le proprie competenze con la conseguente richiesta di poter ripetere la stessa esperienza anche per altri prodotti e categorie. L'appuntamento si innesta nell’ampio programma di formazione, messo a punto dalla direzione Audit e Formazione di Ergon, volto ad ottimizzare le risorse umane e le loro professionalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento