Il circolo Città Futura lancia una petizione per ridurre la Tarsu

Torna il problema della Tarsu nella nostra città. La tassa sui rifiuti solidi urbani sembra essere la più odiata e incompresa imposta amministrativa

Torna il problema della Tarsu nella nostra città. La tassa sui rifiuti solidi urbani sembra essere la più odiata e incompresa imposta amministrativa.

Il circolo Città Futura del PRC/Fds ha presentato in una conferenza stampa, alla quale hanno partecipato Luca Cangemi, Maria Merlini e Alberto Rotondo, una petizione popolare volta a introdurre consistenti riduzioni della Tarsu, legate al reddito.

La Tarsu è ormai diventata un balzello che incide pesantemente sui bilanci di molte famiglie catanesi, già costrette a fronteggiare le conseguenze di una crisi economica e sociale drammatica. La scellerata politica delle giunte di destra ha moltiplicato gli importi a carico dei cittadini, senza fare nulla di sostanziale per ridurre i costi della gestione del ciclo dei rifiuti. Gravissimo rimane il ritardo sulla raccolta differenziata, incerte tutte le prospettive di gestione del sistema. Non è possibile continuare a scaricare sulle spalle dei lavoratori, dei pensionati e delle fasce sociali più deboli le conseguenze di un’azione amministrativa senza progetto e senza trasparenza” . Si legge in una nota del Circolo Città Futura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questi giorni saranno allestiti in città, diversi punti di raccolta delle firme a favore della petizione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento