rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Economia

Imu, il caos non risparmia la Sicilia

Nonostante sia protagonista delle cronache e dei dibattiti politici da mesi ancora non esiste un'indicazione chiara su chi pagherà e chi non pagherà le rate Imu

Chiunque abbia letto un giornale o guardato un notiziario televisivo negli ultimi mesi non può non essersi imbattuto in feroci discussioni sull’Imu che, volenti o nolenti, tutti  gli schieramenti politici hanno dovuto considerare nella definizione dei propri programmi. Nonostante tutta questa attenzione, o forse proprio per questa, però, ancora non esiste un’indicazione certa e definitiva su quali saranno le sorti dei proprietari di casa italiani, chi dovrà pagare e chi sarà esentato e, ancora, quali saranno le aliquote imposte dai comuni. Già perché uno dei nodi cruciali dell’imposta sugli immobili è che non sarà identica in tutta la nazione, ma varierà e in maniera consistente  da città a città, e la Sicilia non fa eccezione.

Ecco quindi che, mentre scriviamo, poche sono le certezze, ma tante le affermazioni fatte dagli esponenti politici nazionali e regionali; se è certo che chi ha una seconda casa a Catania sarà costretto a pagare con l’aliquota maggiore prevista per questa tassa (1,06% come Roma, Milano, Napoli, Bologna, Firenze e Genova), chi ha casa ad Enna pare possa dormire sonni tranquilli. Il sindaco della città è stato molto chiaro: nessuna sorpresa, ad Enna l’Imu non si pagherà a meno che non si possiedano immobili di lusso.

Insomma, attenzione alle decisioni del vostro comune, è da quelle che dipendono le sorti del vostro pagamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu, il caos non risparmia la Sicilia

CataniaToday è in caricamento