rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Economia

Con rincari ed inflazione è stangata per le famiglie, Melchiorre (Mec): "Situazione drammatica"

Secondo una recente indagine condotta da Unc, Catania è la città a pagare il prezzo più caro con una crescita inflattiva del 5%. E adesso dopo la pandemia a spaventare è l'escalation del conflitto scoppiato in Ucraina

Prima era solo la pandemia, poi l’aumento dei prezzi del carburante e il caro bollette. Adesso arriva un’ulteriore stangata: l’inflazione alle stelle, con ripercussioni sulle tasche dei consumatori siciliani. Secondo una recente indagine condotta dall’Unione Consumatori sulla base dei dati Istat è Catania a pagare il prezzo più alto con una crescita inflattiva del 5%, percentuale più alta, condivisa con Trieste, in tutta Italia. E come se non bastasse anche i venti di guerra che spirano dall’Est Europa potrebbero avere conseguenze disastrose per l’Isola: oltre ai costi dei beni energetici, i consumatori siciliani (e non solo) rischiano di dover fare i conti con aumenti generalizzati dei beni primari e dei prodotti a dettaglio. Su questo tema abbiamo provato a fare il punto della situazione con Claudio Melchiorre, presidente dell’associazione “Movimento Elettori e Consumatori”.

Melchiorre: “Difficoltà a mantenere anche l’ordinario”

Melchiorre prevede uno scenario che è già attualmente drammatico ma che non rappresenta ancora il fondo del barile: “Le famiglie siciliane – spiega Melchiorre-, quelle che avevano un reddito sufficiente per vivere in maniera dignitosa quest’anno si ritrovano a non avere più i soldi per mantenere le spese cosiddette “obbligatorie. In questo momento ci sono qualcosa come un milione e mezzo di siciliani, circa il 30%, che non si possono più curare, farmaci da banco, della possibilità di pagare le ricette. Poi abbiamo una quota che sopravvivono che per il momento riesce a tenere botta. Da quest’anno soltanto un quarto al massimo continueranno ad avere una vita normale. Si renderanno conto che i prezzi sono aumentati ma non cambieranno le loro abitudini. La situazione è pesante, la guerra in Ucraina avrà conseguenze importanti, la cosa che stupisce è che nessuno si rende conto che oltre le nostre difficoltà ordinarie avremo difficoltà di collegamento con l’Europa. Se poi aggiungiamo il crollo delle occupazioni temporanee e di quelle legate al settore dei servizi turistici, avremo una famiglia siciliana media con un deficit, nel 2022, su base annua, di circa ottomila euro. Riescono a non sentire la crisi che avanza ovviamente le famiglie con doppio reddito che non abbiano un mutuo da pagare”.

Melchiorre_Claudio-2

“Classe dirigente ostacolo a ripresa”

In uno scenario così drammatico c’è possibilità di invertire la rotta?. Per Melchiorre è tutto nelle mani di chi governa, ma è indispensabile passare una volta per tutte da un atteggiamento passivo ad uno intraprendente: “Le misure le conosciamo tutti ed è ormai stucchevole ripeterle. Siamo nei fatti nella peggiore crisi economica e sociale che l’Isola abbia mai visto dal dopoguerra e il tema non appare nemmeno per sbaglio sull’agenda politica siciliana. La prima misura è rendere efficace la pubblica amministrazione che rappresenta il 60% sia della spesa che della produzione siciliana. C’è – conclude Melchiorre - una situazione di corruzione e scandali. Abbiamo una pessima spesa pubblica e questo spiega l’impoverimento sempre più rapido ed inesorabile della Sicilia, bisognerebbe passare dalle parole ai fatti, prima di arrivare davvero ad un punto di un ritorno”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con rincari ed inflazione è stangata per le famiglie, Melchiorre (Mec): "Situazione drammatica"

CataniaToday è in caricamento