Provincia, Assessore Ciancitto incontra insegnanti precari di Paternò

Dopo la protesta di oggi davanti la sede della Provincia, i 60 insegnanti di doposcuola, assunti dalla provincia, che operano presso il Comune di Paternò, sono stati ricevuti dall'Assessore Francesco Ciancitto

Le proteste dei precari della scuola non si arrestano. A Paternò, sono stati in sessanta a scendere sul piede di guerra per tentare di sbloccare una situazione che li vede sempre più penalizzati e senza prospettive per il futuro. Si tratta di insegnanti di doposcuola, assunti dalla provincia, che operano presso il Comune di Paternò. Oggi, hanno protestato davanti alla sede della Provincia regionale di Catania, in via Nuovaluce.

Dal 30 giugno rischiano di non riavere il rinnovo contrattuale a causa dei tagli agli enti locali e saranno senza lavoro. "Si tratta di una protesta pacifica - spiegano Luigi Maugeri e Giuseppe Mauti della Cisl Fp di Catania - Questo stato di cose è frutto delle forti e angosciose preoccupazioni dei lavoratori riguardo all'imminente scadenza del loro contratto di lavoro, che ad oggi non è stato ancora rinnovato a seguito dei tagli alle riserve sul Fondo delle autonomie Locali".

L’Assessore provinciale alle Politiche Attive e del Lavoro, Francesco Ciancitto, dopo la protesta, ha così incontrato i 60 insegnanti di Paternò. L’Assemblea regionale ha abrogato nella propria finanziaria il capitolo destinato a coprire i costi per i rinnovi e il pagamento degli stipendi. Martedì prossimo l'Ars si riunirà nuovamente per discutere questa problematica.

“L’abolizione dei fondi di riserva alle autonomie locali ha determinato la rimozione del finanziamento previsto per il rinnovo contrattuale dei doposcuolisti paternesi – ha spiegato l'assessore Ciancitto - senza i finanziamenti che dovranno pervenire dall’amministrazione regionale la Provincia non potrà rinnovare i contratti per la mancanza dei fondi necessari. Ma se l’assessore regionale agli Enti Locali ci invierà una comunicazione scritta nella quale si impegna a garantire con certezza l’erogazione delle somme previste, noi siamo disposti a rinnovare i contratti dei 60 insegnanti in qualsiasi momento, anche domani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento