Privatizzazione della Sidra? Risponde l'Assessore alle aziende partecipate

In merito alle iniziative di protesta dei rappresentanti del forum catanese dell'acqua pubblica, il vicesindaco e assessore alle aziende partecipate Roberto Bonaccorsi fa alcune precisazioni

In merito alle iniziative di rappresentanti del forum catanese dell’acqua pubblica, il vicesindaco e assessore alle aziende partecipate Roberto Bonaccorsi precisa quanto segue:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La decisione di scegliere un socio operativo di minoranza per la gestione  del servizio idrico Sidra è perfettamente coerente con l’esito dei quesiti referendari: l’acqua è un bene comune e tale rimane. La previsione della sola cessione di una quota di minoranza al socio operativo è infatti perfettamente compatibile con gli esiti referendari i quali hanno stabilito che l’affidamento della sola gestione del servizio idrico non deve avvenire più tramite gara pubblica bensì mediante cessione, proprio quello che il Comune intende fare. Peraltro l’Amministrazione comunale nell’ambito di un processo di riordino complessivo delle società partecipate,  che negli anni si erano distinte più come soggetti di moltiplicazione di luoghi di potere e di rappresentanza  con un differenziale spesso negativo tra costi e benefici sociali, la previsione di affidare a un socio operativo di minoranza la gestione e l’affidamento del servizio pubblico è finalizzata a valutazioni di efficienza, efficacia ed economicità che ciascuna organizzazione pubblica deve garantire anche con riferimento alla qualità dei servizi che deve offrire agli utenti. E’ in tale prospettiva, dopo lunghi anni di sprechi e inefficienze, di ristrutturazione del sistema avviato dal sindaco Stancanelli tre anni addietro che va inquadrata la delibera con la quale si è deciso di cedere solamente le partecipazioni nelle società che non svolgono servizi di interesse generale e strettamente necessari per il perseguimento delle finalità istituzionali e di cedere invece quote di minoranza, mantenendo le funzioni di indirizzo e di controllo, delle società che svolgono servizi pubblici:  tanto che, a proposito di acqua pubblica, il piano prevede il mantenimento anche delle quote azionarie residuali di Acoset e Ato idrico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento