Scuola superiore, 20 posti disponibili solo per i diplomati centisti

La Scuola Superiore dell'Università di Catania, nella sede rinnovata di "Villa San Saverio, il prossimo anno, sarà aperta solo ai "centisti"

La Scuola Superiore dell'Università di Catania, nella sede rinnovata di "Villa San Saverio", il prossimo anno, sarà aperta solo ai "centisti". Ovvero, sarà accessibile solo a coloro che hanno conseguito la maturità riportando una votazione non inferiore a 100/100. E' la novità introdotta nel bando di concorso per l'ammissione ai venti posti disponibili nei corsi ordinari della scuola dell'eccellenza. I termini scadono il 7 settembre 2011.

L'esame di ammissione consiste in due prove scritte ed una prova orale, diversificate per ciascuna Classe (Classe delle Lettere e delle Scienze sociali e Classe delle Scienze sperimentali). I programmi di esame sono parte integrante del bando di concorso. Gli studenti ammessi alla Scuola si impegnano a: iscriversi a un corso di laurea magistrale a ciclo unico dell’Università di Catania; completare tutti gli esami del proprio corso di laurea entro i termini fissati e con una media di almeno 27/30; frequentare i corsi interni della Scuola e superare i relativi esami. Gli Allievi della Scuola hanno diritto a beneficiare dei servizi residenziale (vitto e alloggio) offerti dal Collegio universitario Villa San Saverio, possono richiedere contributi per attività di studio e di ricerca fuori sede e possono accedere liberamente alle aule studio e ai servizi didattici della Scuola.

Le prove scritte si svolgeranno il 13 e il 14 settembre, la prova orale si terrà il 16 settembre.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento