rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cultura Scordia

Le dinamiche delle storie “ai margini” nei "Corpi minori" raccontate dal "realista" Jonathan Bazzi

Presentato la scorsa domenica nella “Ex Pescheria comunale” di Scordia, il nuovo e già apprezzato romanzo dello scrittore milanese, rappresenta uno "spaccato assoluto della contemporaneità e di questa generazione". In una Milano ibrida e violenta, grottesca e straripante, il protagonista dovrà fare i conti con le derive del desiderio

Una predisposizione per raccontare le storie “ai margini” della società contemporanea. Quasi con una modalità “realista”. E’ di Jonathan Bazzi, l’ultima e già apprezzata fatica libraria dal titolo “Corpi minori” (èdito da Mondadori), presentata questa domenica dall'insegnante Lucy Compagnino, all'interno della serie di appuntamenti culturali coordinati e curati da “Mondadori Point Scordia” col patrocinio del comune di Scordia. Il romanzo, è uno “spaccato assoluto della contemporaneità e di questa generazione”, spiega la Compagnino. I “corpi minori” sono corpi celesti di dimensioni ridotte: asteroidi, meteore, comete, ma in questo romanzo "minori" sono tutti i corpi osservati sotto la lente del desiderio. Desiderio che fa gravitare i personaggi attorno ai sogni e alle ambizioni di una vita, o solo di una stagione. Come accade al protagonista, che all'inizio della storia ha vent'anni, più di un talento, ma poca perseveranza.

Di una cosa però è sicuro, vuole andarsene da Rozzano, percorrere in senso inverso i tre chilometri e mezzo di via dei Missaglia, lasciarsi alle spalle l'insignificanza e la marginalità e appartenere per sempre alla città, Milano, dove spera di trovare anche l'amore, che sin dall'adolescenza insegue senza fortuna, invaghendosi di ragazzi tanto belli quanto sfuggenti. In una Milano ibrida e violenta, grottesca e straripante - che sembra tradire le promesse di quiete e liberazione immaginate da lontano -, il protagonista dovrà fare i conti con le derive del desiderio, provando a capire quale sia il suo posto nell'ordine geografico ed emotivo di questi anni irradiati di cortocircuiti tra reale e virtuale, tra immagine ed esperienza incarnata. Partendo da una attitudine rigorosa, analitica, fenomenologica nei confronti del reale, Bazzi trova sintesi espressive illuminanti e restituisce tutta la potenzialità estetica latente in ogni nostro gesto e manifestazione, disegnando un percorso di formazione ricchissimo e ultra-contemporaneo. Scrittore emergente, finalista al premio Strega, Bazzi è nato a Milano 36 anni fa. Prendendo parte alla presentazione del suo libro, che ha trovato ospitalità nella “Ex Pescheria comunale” di Scordia.

Alla serata culturale molto bella e seguìta, lo scrittore milanese ha partecipato dal tavolo dei relatori, evidenziando come il volume sia stato scritto “mentre tutto chiudeva e insieme si spalancava, durante il primo e il secondo lockdown di Covid, ma anche durante i mesi girovaghi e commoventi dello Strega, in quella imprevedibile sovrapposizione di eccezioni. L’ho scritto soprattutto alle prese con ciò che è accaduto in me dopo, quando quasi tutto all’esterno si è fermato e le voci degli altri hanno preso dimora nella mia testa, intimando, giudicando”. E ancòra, “è stato complicato, eppure eccolo qua. Si intitola Corpi minori e racconta due movimenti essenziali: dalla periferia al centro e dall’amore atteso, sperato, immaginato, all’amore reale. A ciò che accade, può accadere - di oscuro, doloroso - quando le benedizioni discendono su di noi e l’amore dura, continua nel tempo. Rimane. Tra le sue pagine scorrono i desideri e le storie di Pietro e di Minnie, di Dylan e di Melissa, di Nora, di Léon, di Spina e di Marius, oltre a quelli del protagonista, che per me significa soprattutto ‘testimone’. È un libro su Milano, ogni capitolo porta il nome di una sua via o piazza, in una specie di mappatura sentimentale, ed è un libro sull’amore, ovvero la più ostinata delle nostre ossessioni. Sul mostro che ogni amore - soprattutto ogni grande amore - custodisce, e qualche volta scatena”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le dinamiche delle storie “ai margini” nei "Corpi minori" raccontate dal "realista" Jonathan Bazzi

CataniaToday è in caricamento