Edoardo Bennato in concerto: "L'Italia di Pinocchio è ancora viva"

Oltre due ore di musica tra i successi di sempre, i nuovi lavori, fino al nuovo singolo che ha chiuso il concerto, “Ho fatto un selfie”

A oltre quarant'anni dalla pubblicazione di “Burattino senza fili”, le suggestioni dell'Italia “Collodiana” tornano alla ribalta: Grilli parlanti, burattinai e naturalmente il “Gatto e la volpe”, sono figure che descrivono la realtà politica italiana degli ultimi tempi.

La scena è dinamica, multicolore e dominata dal cantastorie del rock and roll italiano. Edoardo Bennato apre il concerto da solo con il set strumentale che è diventato ormai iconografico: dodici corde, cassa a pedale, kazoo e armonica. Lo spettacolo all'Anfiteatro di Zafferana Etnea, organizzato da Giuseppe Rapisarda Mangement, è stato l'unico evento siciliano del tour estivo del cantautore napoletano: pubblico composto e intergenerazionale che più di una volta non si è trattenuto dal saltare al ritmo dello “scuoti e rotola” targato Bennato.

Si parte con Abbi Dubbi e Sono solo canzonette e subito dopo si unisce il resto della band: Giuseppe Scarpato (chitarre), Raffaele Lopez (tastiere), Gennaro Porcelli (chitarre), Arduino Lopez (basso), Roberto Perrone (batteria). Musicisti d'eccezione che hanno sostenuto un live di alti livelli, con atmosfere, durante i “solo” d'intermezzo, vicine alle sonorità di Carlos Santana e Pink Floyd. Il riff di basso e chitarra arrangiato per “Mangiafuoco” è un vero e prorpio “muro di suono” che rievoca il tema di “Who do you love” di Bo Diddley, una progressione incalzante sulla quale Bennato tratteggia, cantando, il burattinaio più famoso della letteratura, e grazie a lui della musica.

Sulle note di “Pronti a salpare” arrivano anche gli spunti di riflessione sulla drammatica realtà delle migrazioni che attraversano il mediterraneo come non poteva mancare un intero capitolo musicale dedicato alle radici del cantautore napoletano: “A Napoli 55 è 'a musica”, il blues che racconta come il numero civico di casa sua in via Campi Flegrei nel quartiere di Bagnoli sia diventato nel tempo il suo portafortuna: una “smorfia” che è riuscita a coniugare la ricchezza del patrimonio culturale partenopeo con gli standard e i canoni della tradizione rock-blues d'oltreoceano. Il “Rinnegato” in verità, non ha “rotto tutti i ponti col passato”: la storia familiare, gli anni dell'università, i primi anni di gavetta rincorrendo i discografici di Milano, sono motivi che ritornano durante tutta l'esibizione. “Vendo Bagnoli”, canzone storica dell'album “Abbi Dubbi”, racconta la dismissione dell'Italsider e la mancata riqualificazione dell'area, cosi come “Sotto viale Augusto che ce sta?” parla della linea ferroviaria sotterranea pensata per i mondiali del '90 a Napoli e rimasta incompiuta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre due ore di musica tra i successi di sempre, i nuovi lavori, fino ad arrivare al nuovo singolo che ha chiuso la scaletta, “Ho fatto un selfie”, pezzo dedicato, con lo stile ironico e dissacrante che da sempre contraddistingue Edoardo Bennato, alla manìa o “smania” di protagonismo che ha definitivamente assalito gli italiani in possesso di uno smartphone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

Torna su
CataniaToday è in caricamento