rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Eventi Gravina di Catania

Festival dei corti underground: “Non è mai troppo corto”

Giunge alla seconda edizione "Non è mai troppo corto", il Festival dei corti underground, organizzato dal Comune di Gravina di Catania e dall'associazione culturale "Gravina Arte"

Frammenti di “altro” cinema. Storie “piccole” che raccontano i contorni o i sottostrati non esplorati della realtà. I chiaroscuri, le contraddizioni, le prospettive inedite. Cinema, non finzione che si scolla dal vissuto, ma rappresentazione sporca, viva, vera pur nell’elaborazione caricaturale, grottesca, surreale.

Giunge alla seconda edizione “Non è mai troppo corto”, il Festival dei corti underground, organizzato dal Comune di Gravina di Catania e dall’associazione culturale “Gravina Arte”,  che si svolgerà dal 7 al 9 ottobre a Gravina di Catania nell’auditorium “Angelo Musco”, viale dell’Unione Europea, Centro Civico, a partire dalle ore 21, ingresso gratuito.

Dopo il successo dello scorso anno, “Non è mai troppo corto” riapre i battenti e propone al pubblico una full immersion nel cinema underground, un cartellone di opere “fuori orario”, non convenzionali che, sperimentando ogni genere, accompagneranno lo spettatore in un viaggio fatto di visioni inedite, emozioni, divertimento, riflessione. Un sottobosco di ricchezza autoriale e di produzioni di qualità che i “piccoli” festival di provincia hanno il merito di valorizzare creando circuiti alternativi che ne permettono la proiezione su grande schermo. I lavori selezionati, provenienti da ogni parte d’Italia, vantano anche quest’anno attori d’eccezione: da Remo Remotti (“Sogni d’oro”, “Bianca”, “Palombella rossa”) a Toni Bertorelli (“La stanza del figlio”, “L’ora di religione”, “Il caimano”) fino ad Angelo Russo (il mitico Catarella de “Il commissario Montalbano”) e Ninni Bruschetta (“I cento passi”, “Boris”).
Le prime due serate – venerdì 7 e sabato 8 ottobre – saranno dedicate alla proiezione delle ventidue opere finaliste e il pubblico in sala potrà votare per il corto preferito mentre domenica 9 ottobre sarà la volta dei quattro corti “fuori concorso” per finire con l’assegnazione dei premi, tra cui il premio del pubblico e quello per il miglior film. La giuria, presieduta dal regista Alessandro Viani, è composta anche dalla docente universitaria Stefania Mazzone, dall’attrice Marina La Placa e dal musicista Salvo Longo.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival dei corti underground: “Non è mai troppo corto”

CataniaToday è in caricamento