Lunedì, 2 Agosto 2021
Eventi

"La gente non stanno bene", storie di disagi e ossessioni dalla penna di Mattia Serpotta

"Sono sempre stato affascinato dalla follia delle persone. Sono 43 racconti, in cui cerco di esorcizzare ansie, paure, anomalie caratteriali o di comportamento dei nostri tempi". La presentazione ufficiale del libro si terrà venerdì 4 giugno 2021, alle 19.00, al Cortile Platamone

“L'idea di scrivere un libro mi ha sempre preoccupato, perché sono un uomo vile, ma soprattutto pigro. Quando è nata mia figlia e ho visto il prezzo del latte, ho capito che dovevo fare qualcosa”. Così esordisce Mattia Serpotta rispondendo alla domanda: “Come l'è venuto in mente di scrivere un libro?”. L'avvocato penalista catanese infatti, oltre ad essere diventato padre da circa un anno e mezzo, ha di recente “dato alla luce” il suo primo lavoro letterario dal titolo “La gente non stanno bene”, per i tipi di Carthago edizioni. Il libro sarà nelle librerie e negli store on line dal 5 giugno 2021.

È un testo che racconta storie di disagi e manie che vanno a finire nel vortice ironico e dissacrante dei caratteri psico-sociali indagati da Serpotta: ossessivo-compulsivi, complottisti, paranoici, renitenti alla relazione sentimentale, analfabeti, animalisti anaffettivi, assetati del consenso popolare. “I protagonisti sono personaggi la cui follia però – commenta Serpotta - può salvare il mondo dalla noia e dalla banalità collettiva”.

Mattia Serpotta, le sue incursioni “satiriche” sui social hanno sempre destato molta attenzione e interesse, troveremo lo stesso spirito nel libro?

Mi auguro di sì. Molte di quelle cose le ho completamente riadattate, nel tentativo di esportarle oltre il casello di San Gregorio. Il resto del libro contiene cose inedite.

Di cosa parla “La gente non stanno bene”?

Sono sempre stato affascinato dalla follia delle persone. Credo che sia una maschera dietro la quale si nasconde sempre la comicità. Il libro contiene 43 storie o racconti, in cui cerco di esorcizzare ansie, paure, anomalie caratteriali o di comportamento dei nostri tempi.

Possiamo definire il libro la sua prima “fatica” letteraria? Ha intenzione di scriverne altri?

La mia prima fatica è svegliarmi tutte le notti da 17 mesi per dare da mangiare a mia figlia. Il libro è la seconda. Sono convinto che non scriverò mai più. Forse inizierò a suonare musica slava.

La presentazione ufficiale del libro si terrà venerdì 4 giugno 2021, alle 19.00, al Cortile Platamone. Interverranno per l'occasione: Manlio Messina (assessore regionale al turismo, sport e spettacolo), l'attore Gino Astorina e i responsabili della Carthago edizioni. Presenterà l'incontro Alfredo Polizzano, titolare della libreria La Fenice.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La gente non stanno bene", storie di disagi e ossessioni dalla penna di Mattia Serpotta

CataniaToday è in caricamento