La più grande degustazione di vini dell’Etna, Contrade dell’Etna a Passopisciaro

L’evento quest’anno cambia sede: si terrà giorno 14 aprile 2014 presso la Cantina Graci in Contrada Feudo di Mezzo, sempre a Passopisciaro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

L’Etna è una vera e propria zona classica del vino europeo, ora in pieno rinascimento. Il vitigno è il nerello mascalase che cresce in tutte le zone coltivabili del vulcano. 

Le Contrade erano antiche proprietà, stavano ad altezze diverse, nascevano su colate laviche separate, sgorgate in varie epoche e da diverse profondità.  L’uva che cresce su questi diversi terreni ha un diverso sapore anche a pochi metri di distanza. Le Contrade sono veri cru, sull’Etna.
“Le Contrade dell’Etna” mette l'una accanto l'altra queste diversità di sapori, mentre i produttori confrontano e discutono i vini appena fatti: quest'anno è la vendemmia 2013, in botte.  

Anche quest’anno, il 14 Aprile,  ritorna l’evento che riunisce i produttori vinicoli dell’Etna.  Contrade dell’Etna, grazie ad Andrea Franchetti, fin dal 2007  accende i riflettori sui vini e i vitigni tipici della zona. Giunta alla settima edizione, quest' anno cambia location trasferendosi, sempre a Passopisciaro, frazione di Randazzo ma nella Cantina Graci in contrada Mezzo Feudo.

Per arrivare a Passopisciaro da Catania ci si mette un’ora, bisogna prendere l’autostrada per Messina, uscire a Fiumefreddo e seguire le direzioni per Randazzo, attraversando prima: Piedimonte, Linguaglossa, Rovittello, Solicchiata. Poi, c’è Passopisciaro, dove troverete le indicazioni per il luogo dell’incontro. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento