Tavula cunzata, tre Top Chef ai fornelli per un viaggio gastronomico da nord a sud

L'evento, ideato da Antonio Rosano e Giovanni Samperi, ha voluto offrire agli ospiti della Masseria Carminello, l'emozione del gusto per riscoprire la tradizione dopo il primo assaggio

Un tempo erano i cantanti e gli attori, le vere star. I protagonisti di eventi, gli ospiti di onore. Oggi, invece, sono loro, i re della cucina e del teleschermo ad affollare le sale. In occasione della giornata internazionale della donna, abbiamo avuto il piacere di conoscere tre "top chef" che hanno rappresentato al meglio il mondo femminile e la loro creatività presso la Masseria Carminello di Valverde. 

Una serata all'insegna del buon cibo che ha seguito un viaggio enogastronomico dal nord al sud grazie alle protagoniste del noto programma tv 'Top Chef Italia' andato in onda sul Canale Nove. Dalla cucina siciliana rappresentata da Bonetta Dell'Oglio al cuore della nostra penisola con la chef napoletana Fabiana Scarica, vincitrice del talent show televisivo. A chiusra il nord con la lecchese Cinzia Fumagalli. 

L'evento, ideato da Antonio Rosano e Giovanni Samperi, ha voluto offrire ai numerosi presenti l'emozione del gusto per riscoprire la tradizione dopo il primo assaggio.

La palermitana Bonetta dell'Oglio - patron chef della Dispensa dei Monsù per 12 anni, ideatrice del Sushiliano® e ambasciatrice dei prodotti siciliani nel mondo - ha rappresentato la sua Sicilia con  "Nidi del Cortile", nido di verdure spontanee, semi, grani antichi e sfilacci di carne affumicata. Sapore intenso e genuino, dal gusto delicato e legato alla tradizione siciliana. Il viaggio è continuato con i primi piatti preparati da Fabiana Scarica. Chef napoletana, ha studiato all’Alma, all’epoca diretta da Gualtiero Marchesi, ha lavorato nella pasticceria del Quisisana di Capri, poi è passata nella cucina della Torre del Saracino. Per approdare infine a Villa Chiara. Nelle cucine di Masseria Carminello ha preparato "Sicilia Campania mai così vicini", nodini di pasta con erbe spontanee, arancia, nocciole e gamberi e Risotto "mediterraneo". Arrivati poi al nord con la preparazione di Cinzia Fumagalli: l'anatra con capperi, zagare e mais. Piatto semplice ma forte al tempo stesso. Pulito nei sapori e deciso, è espressione della creatività "senza fronzoli" di Cinzia che, come racconta lei stessa, durante la sua lunga carriera fatta di successi, si è dovuta scontrare con il mondo maschile, difendendo sempre i diritti delle donne. A chiusura "Solo sole", un dessert a sei mani e, rigorosamente, al femminile. Fresco, colorato e dolcissimo.

Ogni piatto è stato accompagnato da vini scelti per rendere ancora più piacevole il lungo viaggio culinario. Nerello mascalese giovane, 'Beddu', per la Sicilia. Un aglianico per la Campania, 'Ca del bosco' per la Lombardia e, infine, il famoso digestivo Mènnula, amaro alle mandorle dal carattere siciliano e aromatico. 

Il risultato è stato un omaggio alla donna, alla sua creatività e al suo straordinario talento che ha fatto anche conoscere la cultura enogastronomica italiana attraverso i suoi prodotti e le sue tradizioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Reddito di cittadinanza e falsa disoccupazione: indagata la neomelodica Agata Arena

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

Torna su
CataniaToday è in caricamento