Centro Zo, “Così è (se vi pare)”

Lunedì 17 novembre presso il Centro Zo andrà in scena lo spettacolo teatrale “Così è (se vi pare)” di Luigi Pirandello.

Un'intera città di provincia si unisce a condurre un'inchiesta su due personaggi assai grigi ma consapevoli di essere "diversi": il signor Ponza e sua suocera, la signora Frola, che si accusano reciprocamente di essere pazzi perché intrattengono rapporti differenti con la stessa persona, considerata dall'uomo una seconda moglie e dalla donna, sua figlia e prima moglie dell'uomo.

L'attualità di un capolavoro come "Così è (se vi pare)", di fronte all'altare del voyeurismo televisivo odierno, risulta ancora più vistosa. Se è vero che la pietà imporrebbe il silenzio, i personaggi grotteschi che fanno da cornice a questa vicenda, perderanno spesso l'occasione per star zitti e, come gli spettatori dei moderni format televisivi sugli eventi di cronaca, sceglieranno di alzare il lenzuolo bianco deposto "sul cadavere" per inquadrare con compiacimento tutto l'osceno possibile! Tramite opinabili ricostruzioni dei fatti, macabre descrizioni, surreali indagini psicologiche su vittima e carnefice (sempre presunti!), attueranno una ricerca morbosa fatta di curiosità e pettegolezzi sulle persone coinvolte nella storia. Un vero e proprio processo - quasi una gogna- pressoché in assenza di prove e fuori dal tribunale, che farà scomparire sempre più sullo sfondo il dramma delle vittime, facendo trionfare l'insana voglia di sapere.

Questa situazione paradossale delineerà una società di cui si respingono i falsi desideri di chiarezza e di moralità. Sotto questo aspetto la "parabola", come definisce Pirandello stesso quest'opera, ha un valore critico incontestabile: una società borghese che conduce un'inchiesta sui propri "prodotti" per farli entrare nella categoria del normale o dell'anormale.

Questa situazione di radicale conflitto provoca, all'interno del dramma, la presenza di un secondo dramma gestito dalla coppia dei perseguitati che deve recitare per gli altri, sostenere il proprio ruolo, seguire il proprio canovaccio per difendersi e, letteralmente, per vivere. Una seconda rappresentazione che i due esclusi recitano per la società. E se la verità si trovasse nell'essenza della verità stessa? Laudisi ne sorride, sornione: "Eppure, vedi questi pazzi? senza badare al fantasma che portano con sé, in se stessi, vanno correndo, pieni di curiosità, dietro il fantasma altrui!"

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Laboratori teatrali

    • dal 3 settembre 2020 al 7 giugno 2021
    • Teatro Zig Zag
  • Mostra 'Nel lucido buio'

    • dal 26 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Fondazione La Verde La Malfa - Parco dell'Arte
  • Stagione teatrale Sala De Curtis

    • dal 7 novembre 2020 al 22 maggio 2021
    • Sala De Curtis
  • Spettacolo 'Il Re che aveva paura del buio'

    • 24 gennaio 2021
    • Piattaforma Zoom
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CataniaToday è in caricamento