Tutto pronto al teatro Angelo Musco per "Le sorelle Scipione"

Il 24 gennaio debutta lo spettacolo teatrale firmato da Edoardo Saitta

Tutto pronto al Teatro Angelo Musco di Catania per il debutto de “Le sorelle Scipione”, nuova divertente commedia firmata da Eduardo Saitta liberamente ispirata a “Il Paraninfo” di Luigi Capuana, in scena da giovedì 24 gennaio alle ore 21 e fino a domenica 3 febbraio. Vero e proprio cavallo di battaglia di Angelo Musco, il testo è stato rivisitato con l’intenzione di fare di un vecchio classico un “Nuovo classico”. Così la storia di Don Pasquale, uomo che si diverte nel ruolo di un insolito Cupido, si tinge di contemporaneità: "per comprendere come questo testo sia ancora attuale – spiega l’autore – basta pensare al ruolo del protagonista, che oggi è stato assunto da certe trasmissioni televisive".

Il lavoro di rimodernamento curato dai Saitta ha portato ad una diversa collocazione temporale della vicenda, ambientata in un’epoca più vicina ai giorni nostri per consentire l’uso di un linguaggio attuale e di espedienti scenici quali il telefono, utili a rendere la messa in scena più diretta. Vive di nuove dinamiche anche il testo, con il servo Fulli (Eduardo Saitta) alter ego di Don Pasquale ora complice, ora antagonista: una girandola che permette all’attore catanese di liberare il suo estro attraverso una delle caratterizzazioni più riuscite di un personaggio ormai noto al pubblico sicilano, Fulli appunto. Una vicenda semplice e divertente, che si snocciola con ritmi e scene esilaranti fino al raggiungimento dell’obiettivo: il matrimonio delle due sorelle, tanto inatteso da far giurare al protagonista di chiudere con la sua vocazione dopo avere messo a segno il colpo più arduo della sua carriera. Il testo interpretato da Eduardo Saitta e da Aldo Mangiù, Katy Saitta, Massimo Procopio, Lucia Debora Chiaia e Serena Rapicavoli esce tuttavia dai canoni tradizionali suggeriti dal teatro popolare. I tempi cambiano, il pubblico si emancipa pur rimanendo legato alla tradizione del teatro siciliano. Così il Paraninfo di Capuana, in questa versione è stato pensato adattandolo ai gusti della gente e il teatro di tradizione popolare rompe gli schemi, ma non viene dissacrato; respira un’aria nuova ma non viene soffocato dalla modernità. Si sviluppa in ritmi agili e di sicuro non annoia, alto rischio nel caso in cui c’è da trattare una trama tanto nota.

Ecco il cast:

Rosa Fulli, Pasquale Angelino, Ilaria Isabella, Lucia Debora Chiaia, Eduardo Saitta, Aldo Mangiù, Massimo Procopio, Katy Saitta, Serena Rapicavoli

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CALENDARIO REPLICHE LE SORELLE SCIPIONE – Gennaio/Febbraio 2019 Turno AZ Giovedì 24/1 ore 21 – Turno Prime Venerdì 25/1 ore 21 Turno A Sabato 26/1ore 18 – Turno C Domenica 27/1 ore 18 Turno E Giovedì 31/1 ore 18 – Turno AZ2 Venerdì 1/2 ore 18 Turno B Sabato 2/2 ore 21 – Turno D Domenica 3/2 ore 18

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento